MotoGP, Valencia: Lorenzo spreca, Pedrosa vince, sorprende Nakasuga

Dani Pedrosa

Dani Pedrosa (motorcyclenews.com)

Valencia – Ci teneva parecchio a chiudere la propria stagione vincendo ma, alla fine, ha dovuto cedere per l’ennesima volta il passo a Dani Pedrosa: questa volta nessuno potrà però a rimproverare a Lorenzo un eccesso di prudenza. Jorge fa inizialmente tutto bene, monta la gomma giusta quando ancora la sua scelta sembra folle ma finisce poi per rovinare tanta astuzia strategica con una caduta. Complice una sbavatura dell’ormai acerrimo rivale che gli regala margine, il neocampione del mondo si cimenta con troppa veemenza in un doppiaggio e si ritrova suo malgrado protagonista della caduta più spettacolare della giornata.

In una gara folle come quella di oggi, che consuma le sue cartucce migliori con la scelta degli pneumatici, sorprende comunque che a tenere alta la bandiera della Yamaha sul podio sia il collaudatore Nakasuga, chiamato qui a sostituire Ben Spies: la sua seconda piazza è quasi inimmaginabile e non stupisce quindi la valle di lacrime con cui è accolto al parco chiuso. Ottimo terzo posto per l’oramai ufficialmente pensionato Casey Stoner, che chiude senza rimpianti la sua avventura nel motomondiale.

Festeggia in zona podio anche Michele Pirro, primo tra le CRT e ottimo quinto. Si conclude con un incolore decimo posto l’infelice matrimonio tra Rossi e Ducati.

LA GARA – Situazione difficile sulla griglia della MotoGP con squadre e piloti incerti sulla scelta degli pneumatici. L’asfalto va lentamente asciugandosi ma il cielo coperto di nuvole grigie sembra dar ragione ai sostenitori delle gomme rain, che vedono dalla loro la maggior parte dei centauri in pista ad eccezione di Stefan Bradl, Jorge Lorenzo e il compagno di squadra Nakasuga. Quella del campione del mondo di montare le slick rischia di essere un grosso azzardo ma il giro di ricognizione gli dà in parte ragione, dato il folto gruppo di piloti – tra cui Hayden, Pedrosa  e Crutchlow– che decidono di partire dai box pur di cambiare subito moto e gomme. Si preannuncia una corsa folle.

A girare per primo dopo la partenza è Espargaro! Per la prima volta nel corso della stagione, prototipi e CRT nono sembrano fare categoria a parte. Con 28 giri ancora da percorrere e una situazione ancora tutta da definire, Dovizioso scavalca Espargaro che comunque lo tallona. Stoner è terzo, Rossi quarto. Tiene botta – primo tra i piloti in “versione asciutta” – Jorge Lorenzo che, nel giro di poche curve, si porta dalla quinta alla prima posizione. Tocca ora alle moto con le rain passare dai box: inaugura le danze Casey Stoner.

Per il momento, la strategia premia dunque Lorenzo, abilissimo ad azzeccare, prima di tutti gli altri, la gomma giusta. Jorge, ora al comando, potrebbe però presto patire il rientro di Pedrosa, risalito alla velocità della luce dal fondo, non senza farsi mancare qualche rischio. Da segnalare l’ottimo terzo provvisorio di Nakasuga, tallonato da Bradl e Crutchlow.

Nakasuga Valencia

Straordinario secondo posto per Nakasuga (yamahamotogp.com)

Proprio quando la corsa sembra iniziare a virare verso copioni più consueti, con Pedrosa all’inseguimento di Lorenzo, cadono Hayden e Bradl. Inesorabilmente attardati Stoner  e Rossi che pagano il dazio del tardivo cambio di pneumatici.

Pedrosa è velocissimo ma una sbavatura lo obbliga ad allargare e vanificare quanto di buono costruito sinora. Una mano gliela dà però proprio Lorenzo che, forse innervosito da doppiaggi meno agevoli dal previsto, mette le ruote dove non dovrebbe e viene scalzato via in maniera inesorabile dalla sua Yamaha. Un vero peccato che finisca così la sua gara, specie dopo il grande merito dell’intuizione iniziale, ma dopo un volo così spaventoso è comunque una fortuna non essersi fatto nulla. Pedrosa può ora tranquillamente involarsi verso la vittoria, avendo a questo punto accortezza a gestire meglio i propri doppiaggi.

Con Dani oramai in testa con oltre 20 secondi di vantaggio, una corsa tanto convulsa nelle sue battute iniziali rischia di trasformasi in una gara avara di emozioni e dall’esito certo. Un sussulti arriva a 6 giri dal termine con la caduta di Crutchlow. Incredibilmente, il collaudatore della Yamaha Nakasuga si viene così a ritrovare al secondo posto. Non meno interessante anche il quinto posto provvisorio di Michele Pirro.

Mentre Pedrosa naviga verso la vittoria scortato dalle moto da doppiare, Stoner strappa a Bautista la terza posizione e chiude così la sua avventura nel mondo del motomondiale con il podio.

Appuntamento prossima settimana, sempre su questa pista, con i primi test di piloti e team in versione 2013.

La classifica ufficiale dell’ultima gara di stagione:

01- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – 30 giri in 48’23.819
02- Katsuyuki Nakasuga – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 37.661
03- Casey Stoner – Repsol Honda Team – Honda RC213V – 1’00.633
04- Alvaro Bautista – San Carlo Honda Gresini – Honda RC213V – + 1’02.811
05- Michele Pirro – San Carlo Honda Gresini – FTR Honda MGP12 – + 1’26.608 (CRT)
06- Andrea Dovizioso – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1’30.423
07- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – Ducati Desmosedici GP12 – + 1’31.789
08- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – a 1 giro (CRT)
09- James Ellison – Paul Bird Motorsport – ART GP12 – a 1 giro (CRT)
10- Valentino Rossi – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP12 – a 1 giro
11- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP12 – a 1 giro (CRT)
12- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP12 – a 2 giri (CRT)
13- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR – a 2 giri (CRT)
14- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – Suter BMW – a 3 giri (CRT)

Mara Guarino

Foto homepage via: motorcyclenews.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews