MotoGP, si ricomincia da Sepang. Nuovi test in Malesia

Pedrosa Sepang MotoGP

Dani Pedrosa in azione a Sepang (world.honda.com)

Mentre la Superbike smaltisce i postumi del primo round di stagione, la MotoGP si appresta a vivere da domani la fase due del suo precampionato, con una nuova tre giorni di test di scena sul tracciato malese di Sepang, dove già all’inizio del mese di febbraio piloti e team hanno iniziato a prendere le misure con l’anno a due ruote in partenza dal Qatar il prossimo aprile. Confidando nella clemenza del meteo, si lavorerà dunque a partire dai riscontri già emersi tre settimane fa, quando al vertice di una classifica costantemente comandata da Dani Pedrosa sono spuntati già tempi estremamente interessanti.

In vista di domani – si scenderà in pista a partire dalle 10.00, ora locale – Dani Pedrosa si conferma dunque l’uomo da battere. Avversario numero uno, ovviamente, quel Jorge Lorenzo che, con la sua costanza di rendimento, gli ha sottratto lo scorso anno la gioia del primo titolo nella classe regina. Forti uno del miglior tempo assoluto e l’altro di un ottimo passo gara che gli ha permesso di non guardare con troppa preoccupazione ai decimi di ritardo patiti sul giro secco, entrambi gli spagnoli avevano lasciato Sepang complessivamente soddisfatti del lavoro svolto a inizio mese. A suo modo, però, il precampionato è anche una battaglia di nervi: per la Yamaha di Lorenzo potrebbe quindi essere importante anche riuscire ad agguantare la cima della lista tempi, a prescindere dalle sensazioni comunque positive già riportate dal maiorchino sulla M1 in versione 2013. Per la Honda, viceversa, la priorità potrebbe essere la risoluzione del chattering lamentato da Pedrosa malgrado le ottime prestazioni cronometriche.

Valentino Rossi MotoGP Sepang

Valentino Rossi in pista a Sepang (motorcyclenews.com)

Se Lorenzo e Pedrosa – che restano sulla carta i principali candidati alla lotta per il titolo 2013 – sono andati semplicemente a confermare, nel corso della loro prima uscita, le aspettative che gravavano su di loro, la prima prova dell’anno di Marc Marquez e Valentino Rossi è rimasta sospesa tra la certezza e la sorpresa. Nessun dubbio infatti né sul talento del giovane campione della Moto2 né su quello dell’italiano nove volte iridato: entrambi tuttavia hanno saputo stupire ritrovandosi nelle zone alte della classifica con una facilità e una rapidità meno facilmente prevedibili.

Nonostante sia al debutto con il team Hrc Marquez si è già mostrato all’altezza delle posizioni di vertice: alla lotta per il podio manca ancora forse un po’ di lavoro sul ritmo gara e la gestione degli pneumatici. Più complessa la situazione di Rossi, reduce da due tormentate stagioni con la Ducati, alla perenne ricerca di un feeling mai trovato: dopo gare passate a navigare lontano dalla top-five e soprattutto distante dalle prestazioni dei migliori, lo stesso pesarese non era sicuro di quello che sarebbe stato il suo livello di competitività una volta risalito sulla M1.  Tempi alla mano, Rossi è sicuramente pronto a tornare a infiammare la lotta per il podio. A Sepang, tuttavia, si concentrerà sulla prossima sfida: migliorare ulteriormente l’affiatamento con la ritrovata Yamaha, perché Lorenzo e Pedrosa sembrano avere, al momento, qualcosa in più sulla distanza.

Capitolo a parte per Ducati, che da Sepang era tornata con la consapevolezza di aver ancora un lungo cammino davanti a sé. Del resto, tutti gli uomini di Borgo Panigale, piloti compresi, lo avevano ribadito sino allo sfinimento che era impossibile aspettarsi dalla Malesia dei miracoli. Nel frattempo, quindi si lavora, nella speranza, soprattutto per i tifosi della rossa bolognese, che già giovedì sera si possa osservare qualche incoraggiante frutto del nuovo corso ducatista. La scorsa settimana il test team e il debuttante Andrea Iannone, in forze al team Pramac, si sono quindi cimentati a Jerez de la Frontera in una sessione di test privati, dove pare siano state provate anche alcune nuove componenti telaistiche. I comunicati ufficiali parlano di «squadra soddisfatta» per gli esiti: l’eventuale controprova sarà fornita tra poche ore da Dovizioso e compagni.

Mara Guarino 

Foto homepage via: crash.net

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews