MotoGP, Sepang: Marquez ancora in pole. Rossi in prima fila

Marc Marquez MotoGP

Marc Marquez (@marcmarquez93 via Twitter)

Sepang – Presto sarà con grande probabilità campione del mondo ma, al momento, è indiscutibilmente il signore delle qualifiche MotoGP: Marc Marquez conquista la pole position anche davanti al pubblico malese. A fargli compagnia in prima fila le Yamaha di Valentino Rossi e Cal Crutchlow, che vanno a precedere un Jorge Lorenzo meno impeccabile del consueto.

Il maiorchino, tradito dalla pista umida in certi tratti, ha in effetti commesso un errore mentre montava la prima gomma e non è adeguatamente riuscito a sfruttare il secondo pneumatico, ritrovandosi scavalcato da entrambi i compagni di marca. Dopo un venerdì a dir poco nero, può comunque almeno gioire dell’aver ritrovato confidenza con la moto. Quinto tempo per Dani Pedrosa, a lungo mattatore delle prove e comunque da tenere in considerazione in ottica gara. Laddove la pioggia non intervenisse a rimescolare le carte in tavola, tutti i primi cinque potrebbero offrire un bello spettacolo lottando per il podio, con le Honda favorite e un Rossi in costante crescita in questo finale di campionato.

Q1 – Andrea Iannone e Aleix Espargaro sono i due piloti che centrano il passaggio alla Q2 qualche secondo prima dell’arrivo di una leggera pioggia destinata a scombinare i piani dei team in lotta per le primissime fila. Lo schieramento di partenza sarà quindi deciso in condizioni di pista non certo ottimali.

Q2 – Oltre alle bizze del meteo, da segnalare la defezione di Stefan Bradl, costretto al centro medico da una frattura alla caviglia provocata da una caduta nel finale delle FP4. Una scivolata innocente che si è trasformata però in un grave problema per il tedesco quando la sua Honda è andata a impattare una zolla di erba sintetica che, sollevandosi dal terreno, è diventa un’insidiosa barriera per la gamba destra di Bradl.

Inizia Jorge Lorenzo a saggiare le condizioni della pista, che però lo tradisce nel corso di un buon giro. Tutto da rifare per il maiorchino. Mentre Lorenzo torna al box, il compagno di squadra Valentino Rossi fissa il tempo di riferimento. La pista va velocemente migliorando, così come i crono: nuovo miglior tempo di riferimento è quello di Cal Crutchlow.

Seconda gomma per Lorenzo, che non ha ancora un tempo valido dalla sua. Il campione del mondo rimedia agguantando la vetta provvisoria ma i giochi sono ancora tutti da fare: Lorenzo è prima scavalcato da Rossi e Crutchlow, ma è poi Marc Marquez a fare nuovamente la differenza sul giro secco.

Luis Salom Moto2

Luis Salom (eniracing.com)

Moto3 – Lo spagnolo Luis Salom torna davanti a tutti e conquista la pole position del GP della Malesia ai danni dei sorprendenti Masbou e Antonelli. Con le Honda parse più competitive del consueto, Niccolò conquista quindi un’ottima prima fila ai danni di Oliveira e Marquez. Qualche difficoltà in più per gli sfidanti di Salom nella conquista del titolo iridato: mentre Alex Rins scatterà dalla sesta casella in griglia, Maverick Viñales non riesce a far meglio del nono tempo. Sarà quindi importantissimo per lui centrare domani una buona partenza.

Moto2 – Rabat, Luthi e Pol Espargaro: sono questi i protagonisti della prima fila di una middle-class, che si fa notare anche per la brutta qualifica del leader del mondiale Scott Redding, cui non riesce di andare oltre la decima posizione. Il pilota britannico sarà dunque alle prese con una missione rimonta. Settimo crono per il sammarinese De Angelis, quindicesimo tempo per Simone Corsi.

La griglia di partenza della MotoGP:

01- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – 2’00.011
02- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.325
03- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.348
04- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.567
05- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.681
06- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – + 0.963
07- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.295
08- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.624
09- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 2.140 (CRT)
10- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 2.525
11- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 2.889
12- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – senza tempo

13- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki (CRT)
14- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki (CRT)
15- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)
16- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)
17- Yonny Hernandez – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13
18- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 (CRT)
19- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – ART GP13 (CRT)
20- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)
21- Luca Scassa – Cardion AB Motoracing – ART GP13 (CRT)
22- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 (CRT)
23- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)
24- Damian Cudlin – Paul Bird Motorsport – PBM 01 (CRT)

Mara Guarino

Foto homepage via: world.honda.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews