MotoGP, Laguna Seca: pole a sorpresa per Bradl. Cade Marquez

Stefan Bradl MotoGP

Stefan Bradl (world.honda.com)

Stati Uniti – Tre Honda davanti a tutti sul tracciato di Laguna Seca che trova in Stefan Bradl un poleman forse inaspettato nonostante turni di prova piuttosto interessanti. Il tedesco è autore di un ottimo giro ma beneficia – suo malgrado – anche di una caduta di Marc Marquez, che non ha quindi potuto sfruttare i minuti finali del turno per limare ulteriormente il suo riscontro cronometrico. Terza posizione per Alvaro Bautista, che relega Valentino Rossi in seconda fila.

E se la prima fila è tutta Honda, la seconda è invece a completo appannaggio delle Yamaha: dietro Rossi, si qualificano infatti Crutchlow e Lorenzo. Rivali da sempre ma uniti questo fine settimana da condizioni fisiche precarie, Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa sono infatti entrambi in pista per le qualifiche nonostante la clavicola fratturata: mentre il maiorchino – reduce da due interventi chirurgici in tre settimane –  chiude il suo turno  in sesta posizione, il connazionale di casa Honda – alle prese con una dolorosa frattura incompleta – è settimo. Il campione del mondo in carica accusa in realtà un distacco più contenuto dai primi ma la gara dei due convalescenti di lusso della MotoGP è tutta da decifrare soprattutto in termini di costanza e rendimento fisico sulla durata.

Q1 – Presenza inconsueta, ma assolutamente comprensibile alla luce della caduta del Sachsenring, quella di Dani Pedrosa, classificatosi con l’undicesimo tempo dopo essere sceso in pista solo nel corso del secondo di turno di libere del venerdì: la prudenza ha in effetti spinto il fantino Hrc a evitare le sessioni mattutine, quando nebbia e asfalto freddo avrebbero potuto mettere a rischio la sua clavicola.

Nel suo caso, l’accesso alla Q2 non è però che una formalità: anzi, i tempi fatti segnare nel sabato pomeriggio statunitense lasciano intuire che possa addirittura ambire alle primissime file. A fare compagnia al numero 26 Randy De Puniet.

Marc Marquez MotoGP

Marc Marquez (@marcmarquez93 via Twitter)

Q2 – Dopo prove da dominatore, riflettori puntati su Marc Marquez che potrebbe portarsi a casa la pole su un tracciato mai visto prima: con ancora 10 minuti da gestire, è proprio il numero 93 a stampare il giro destinato a fare da riferimento in 1.21.292. Poco dopo, il rookie riesce a limare un altro decimo, avvertendo tutti gli altri piloti in pista delle sue serie intenzioni di partire dalla prima casella in griglia. In difficoltà nelle fasi iniziali del turno Cal Crutchlow, la cui M1 sconta ancora i postumi di una caduta nelle FP4.

Caduta per Marquez! Con la pole forse già in cassaforte, Marc è costretto a rinunciare prematuramente a un ulteriore assalto al crono. Si rivede nel frattempo Crutchlow che spazza via le speranze di prima fila dell’acciaccato Lorenzo. Gli ultimi minuti sono infuocati malgrado la defezione di Marc Marquez: Bradl e Bautista sono scatenati e rimettono in discussione giochi che sembravano quasi fatti. È infatti il tedesco Stefan Bradl a meritarsi la pole position: 17 i millesimi di vantaggio sul rivale spagnolo.

 

La griglia di partenza della MotoGP:

01- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – 1’21.176
02- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.017
03- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – + 0.197
04- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.242
05- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.244
06- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.277
07- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.552
08- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 0.850
09- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.899
10- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 0.914
11- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 0.923 (CRT)
12- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 – senza tempo (CRT)

13- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)
14- Alex De Angelis – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13
15- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki (CRT)
16- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)
17- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki (CRT)
18- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 (CRT)
19- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 (CRT)
20- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 (CRT)
21- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)
22- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 (CRT)
23- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)

Mara Guarino

Foto homepage via: world.honda.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews