MotoGP, Brno: orari e anteprima della dodicesima tappa del motomondiale

La caviglia infortunata di Casey Stoner (via Twitter)

Brno – Archiviata definitivamente la parentesi a stelle e strisce, il motomondiale torna in Europa. Sarà sul tracciato ceco di Brno che Lorenzo, Pedrosa e Stoner continueranno a sfidarsi per la conquista del titolo iridato della MotoGP. Al momento, è ancora il pilota Yamaha a guidare la classifica ma i soli 18 punti di distacco di Dani Pedrosa impediscono di stare tranquilli. Dopo i due secondi posti consecutivi rimediati proprio alle spalle degli alfieri HRC, Jorge è chiamato a una gara d’attacco. Nonostante il maiorchino sia piuttosto vicino, neppure in casa Honda la situazione è troppo tranquilla. Da un lato, c’è il sempre troppo sottovalutato Pedrosa. Una carriera costellata da molti alti e bassi tra cadute e infortuni e la costanza nei piazzamenti, cui fa però da contraltare la difficoltà a salire con una certa regolarità sul gradino più alto del podio, ne hanno fatto un pilota stimato nell’ambiente ma mai davvero ritenuto abbastanza vincente da presentarsi nelle vesti di serio contendente al mondiale. Che sia finalmente la volta buona? Dall’altro lato del box, c’è invece Casey Stoner, ancora dolorante alla caviglia. L’australiano ha trionfato a Laguna ma esce da Indianapolis con un quarto posto di grande tenacia e le ossa letteralmente rotte. Stoner non ha ancora del tutto rinunciato ai propri sogni iridati ma, dopo la caduta del Sachsenring e la gara turbolenta del Mugello, l’infortunio è un brutto ostacolo lungo quella strada che potrebbe portarlo a colmare il gap.

Il bollettino medico del post–Indianapolis registra poi le defezioni di Hector Barbera, ancora una volta rimpiazzato da Toni Elias, e di Nicky Hayden, che sarà di ritorno in occasione dell’appuntamento di Misano Adriatico. Fisico ok ma morale ko per Ben Spies che, davanti al pubblico di casa, è stato bloccato dall’ennesima noia tecnica della sua Yamaha.

Così nel 2011- Podio tutto Honda quello andato in scena lo scorso anno sul tracciato della Repubblica Ceca. Alle spalle di uno Stoner lanciatissimo verso il suo bis iridato, la coppia italiana formata da Andrea Dovizioso, all’epoca ancora in sella a una HRC, e Marco Simoncelli. Gara difficile per Lorenzo, quarto dopo una scelta di gomma azzardata e rivelatasi per nulla vincente, ma anche per Pedrosa, scivolato a pochi giri dal via.

Valentino Rossi (motorcyclenews.com)

Statistiche e curiosità – Ironia della sorte, i piloti che in questi anni hanno maggiormente legato il loro nome al circuito di Brno sono proprio gli eterni rivali Max Biaggi e Valentino Rossi, che in questi giorni ha festeggiato l’anniversario della sua prima vittoria in carriera. Era il 18 agosto del 1996 quando quello che sarebbe diventato il Dottore colse in Repubblica Ceca il suo primo successo, dopo aver ottenuto anche la prima pole position della sua – allora breve – storia motociclistica.  L’appuntamento con la vittoria si sarebbe poi rinnovato nel 1999 con la 250cc e, a partire dal 2001, anche nella classe regina dove si sarebbe ripetuto nel 2003, 2005, 2008 e 2009. Oggi, lo scenario è ben diverso ma Rossi ha dichiarato di voler comunque rimediare alla deludente trasferta americana portando qui a termine una buona prova anche in sella alla Ducati.

Il tracciato – Diventato appuntamento pressoché stabile del motomondiale nel 1987, il circuito di Brno sorge nel verde di un’area collinare che ne fa una pista ricca di saliscendi particolarmente apprezzati dai piloti. Ampi curvoni e pochi rettilinei sono le caratteristiche principali di un tracciato che non manca di mettere a dura prova il sistema frenante in occasione delle numerose staccate in discesa.

Moto2 e Moto3 – Se nella middle-class l’assegnazione del titolo a Marc Marquez sembra essere già una formalità da sbrigare a breve, la Moto3 promette invece gare combattute anche e soprattutto nella prospettiva iridata. Maverick Viñales ha commesso un grande passo falso con la caduta all’ultimo giro di domenica ma la sfida a Sandro Cortese, leader di classifica, è ancora tesa. Sul fronte tricolore, fiducia nella prestazione di Romano Fenati dopo il bel quinto posto di Indy.

Così in tv – Con il nuovo sbarco in Europa, il motomondiale torna ai suoi orari più consueti. Confermati l’appuntamento televisivo con Italia1 e Italia2 e lo streaming offerto da Sportmediaset.it.

Venerdì 24 agosto 2012
• ore 9.10 – Moto3 – Prove libere 1 (diretta Italia2)
• ore 10.10 – MotoGP – Prove libere 1 (diretta Italia2)
• ore 11.10 – Moto2 – Prove libere 1 (diretta Italia2)
• ore 13.10 – Moto3 – Prove libere 2 (diretta Italia2)
• ore 14.10 – MotoGP – Prove libere 2 (diretta Italia2)
• ore 15.10 – Moto2 – Prove libere 2 (diretta Italia2)

Sabato 25 agosto 2012
• ore 9.10 – Moto3 – Prove libere 3 (diretta Italia2)
• ore 10.10 – MotoGP – Prove libere 3 (diretta Italia2)
• ore 11.10 – Moto2 – Prove libere 3 (diretta Italia2)
• ore 12.55 – Moto3 — Qualifiche (diretta Italia2)
• ore 13.55 – MotoGP – Qualifiche (diretta Italia1 e Italia2)
• ore 15.10 – Moto2 – Qualifiche (diretta Italia1 e Italia2)

Domenica 26 agosto 2012
• ore 8.35 – Moto3 – Warm Up (diretta Italia2)
• ore 9.10 – Moto2 – Warm Up (diretta Italia2)
• ore 9.40 – MotoGP — Warm Up (diretta Italia2)
• ore 10.45 – Moto3 – Gara (diretta Italia1 e Italia2)
• ore 12.15 – Moto2 — Gara (diretta Italia1 e Italia2)
• ore 14.00 – MotoGP – Gara (diretta Italia1 e Italia2)

Mara Guarino

Foto homepage via: motorcyclenews.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews