MotoGP, Assen: orari e anteprima della settima tappa del motomondiale

Valentino Rossi (motorcyclenews.com)

Assen – Olanda, Germania e Italia: Assen inaugura sabato una tripletta di tre gare in tre settimane, al termine delle quali sarà forse possibile farsi un’idea più chiara sull’andamento della stagione in corso. Iniziato come “la bella” tra Lorenzo e Stoner, il campionato 2012 ha preso nelle ultime tappe la piega di un soliloquio del maiorchino, ora in testa alla classifica con 25 punti di vantaggio sull’australiano. La storia dice che qui la Yamaha parte favorita ma per il numero 27 sarebbe fondamentale ricucire lo strappo mettendo a segno una bella vittoria, chattering permettendo. D’altra parte, Lorenzo non può ancora permettersi di calarsi nei panni del ragioniere: per lui e la sua M1, l’obiettivo dichiarato della trasferta olandese è la vittoria, la quarta consecutiva di un’annata partita con il piede giusto.

Chiamato alla prova d’appello  il binomio – che il mercato vuole sempre più vacillante – costituto da Rossi e Ducati. Fino a Laguna Seca, la moto non subirà modifiche sostanziali. Difficile sperare in un week-end miracoloso. Per ammissione di Valentino, però, la mal sopportata Silverstone è stata uno dei momenti più bassi della stagione: urge rimediare con una prova di carattere in attesa di tempi migliori.

Ultima chiamata, o quasi, anche per Dani Pedrosa. L’ormai certa abolizione della rookie rule ha spalancato le porte dell’HRC a Marc Marquez, che – titolo iridato o no – nel 2013 farà quasi sicuramente il salto di categoria, forte, oltre che del suo talento, anche del sostegno dello sponsor Repsol. Con un nuovo giovane spagnolo rampante su cui puntare, le quotazioni di Pedrosa non brillano. Dani è veloce e affidabile, in alcuni casi la fortuna non è stata dalla sua ma le opportunità di fare bene non sono certo mancate. Eppure, i risultati MotoGP dopo anni di trattamento ufficiale non sono dalla sua. A difettare è il guizzo vincente: salvo scossoni, il destino di eterno secondo è in agguato.

Ben Spies (motorcyclenews.com)

Così nel 2011 – Lo scorso anno gli olandesi assistevano al trionfo dell’ex Superbike Ben Spies, primo al traguardo davanti alla coppia HRC formata da Stoner e Dovizioso. Che il GP d’Olanda possa essere per l’americano l’occasione per lasciarsi dietro alle spalle un avvio di stagione deludente?

Nel 2011, buon piazzamento anche per le Ducati, con Rossi quarto e Hayden quinto sotto la bandiera a scacchi.

Record e statistiche – Ad un grande tracciato non possono che corrispondere grandi numeri a cominciare da quel 42 che, al momento, vede al momento sia Casey Stoner sia Jorge Lorenzo appaiati a Max Biaggi e Toni Mang nella classifica del maggior numero di vittorie in carriera.  La prossima missione sono i 45 primi posti di Redman: anche per il quasi pensionato Stoner, che vanta un numero maggiore di sigilli nella top-class, l’obiettivo è alla portata.Da non trascurare, però, anche il buon feeling personale di Lorenzo con Assen, cui si somma quello della M1, a segno per ben 6 volte dall’introduzione dei prototipi a quattro tempi.  Altre cifre che impressionano sono poi le 7 vittorie olandesi di Valentino Rossi.

Il tracciato – “Cattedrale delle due ruote” e “Università del motociclismo”: i soprannomi che celebrano il circuito più longevo della storia del campionato mondiale si sprecano. Sin dal 1949, primo anno del motomondiale, il TT Circuit Assen ne è una tappa imprescindibile, rigorosamente fissata per l’ultimo sabato di giugno. Con buona gioia dei piloti, da sempre affascinati da un tracciato tecnico e veloce, capace di esaltare le capacità di guida come pochi altri. In realtà, alcune recenti modifiche – le più drastiche delle quali nel 2006 – hanno allontano l’attuale configurazione da quella che ha fatto del GP d’Olanda una leggenda. L’antico fascino permane: vincere ad Assen resta ancora una soddisfazione speciale.

Moto2 e Moto3 – Proseguono nel frattempo le sfide di vertice nelle classi minori. In Moto3, la lotta per il mondiale continua a contrapporre Cortese e Viñales circondati, gara dopo gara, da un gruppo sempre più folto di “ragazzini terribili”. Più intricata la situazione in Moto2, dove Luthi e Marquez devono vedersela con il sempre più credibile e arrembante Pol Espargaro. Da non sottovalutare poi l’italiano Iannone.

Così in tv – Tutto anticipato di un giorno ad Assen. L’appuntamento con le qualifiche è quindi fissato per venerdì pomeriggio.

Giovedì 28 giugno 2012
• ore 9.10 – Moto3 – Prove libere 1 (diretta Italia2)
• ore 10.10 – MotoGP – Prove libere 1 (diretta Italia2)
• ore 11.10 – Moto2 – Prove libere 1 (diretta Italia2)
• ore 13.10 – Moto3 – Prove libere 2 (diretta Italia2)
• ore 14.10 – MotoGP – Prove libere 2 (diretta Italia2)
• ore 15.10 – Moto2 – Prove libere 2 (diretta Italia2)

Venerdì 29 giugno 2012
• ore 9.10 – Moto3 – Prove libere 3 (diretta Italia2)
• ore 10.10 – MotoGP – Prove libere 3 (diretta Italia2)
• ore 11.10 – Moto2 – Prove libere 3 (diretta Italia2)
• ore 12.55 – Moto3 — Qualifiche (diretta Italia2)
• ore 13.55 – MotoGP – Qualifiche (diretta Italia1 e Italia2)
• ore 15.10 – Moto2 – Qualifiche (diretta Italia1 e Italia2)

Sabato 30 giugno 2012
• ore 8.35 – Moto3 – Warm Up (diretta Italia2)
• ore 9.10 – Moto2 – Warm Up (diretta Italia2)
• ore 9.40 – MotoGP — Warm Up (diretta Italia2)
• ore 10.45 – Moto3 – Gara (diretta Italia1 e Italia2)
• ore 12.15 – Moto2 — Gara (diretta Italia1 e Italia2)
• ore 14.00 – MotoGP – Gara (diretta Italia1 e Italia2)

 

Mara Guarino

Foto homepage via: motorcyclenews.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews