Moto2 e Moto3, Sepang: Rabat e Salom espugnano la Malesia

Luis Salom Moto3

Luis Salom (crash.net)

Sepang – GP della Malesia come sempre cruciale in ottica campionato, come ben messo in evidenza dalle vittorie di Luis Salom e Tito Rabat. Lo spagnolo della Moto3, reduce da un paio di prestazioni poco brillanti, torna a veder crescere il proprio vantaggio in classifica: il margine su Rins – 14 punti – resta in realtà piuttosto risicato ma, con sole tre gare dalla conclusione del campionato, è comunque importante. Anche la middle-class è conquistata da uno spagnolo, con Tito Rabat a precedere il compagno di suqadra Pol Espargaro. Vera notizia di giornata è però il settimo posto di Scott Redding, il cui gap in classifica va incontro a un’altra sensibile riduzione. Anche in questo caso, il finale di stagione si preannuncia quindi incandescente.

Moto3 – Dopo un paio di gare fuori dal podio, Luis Salom torna a servire la sua specialità: la vittoria in volata dopo una corsa di gruppo vissuta all’insegna di sorpassi e costanti avvicendamenti. La bagarre finale lo vede a stretto contatto con il suo diretto rivale iridato Alex Rins, per il quale non c’è stato però nulla da fare. Nel corpo a corpo, è nuovamente il più esperto spagnolo a spuntarla. Terza posizione per la Mahindra di Miguel Oliveira, che strappa il podio ad Alex Marquez. Quinta piazza per Maverick Viñales, uscito vincitore da un arrivo carena contro carena con Jack Miller. La sua è ancora una volta la prima Honda a veder sventolare la bandiera a scacchi.

Migliore degli italiani al traguardo è Romano Fenati, che chiude in nona posizione. Fuori dai giochi Niccolò Antonelli, caduto mentre cercava di tenere la scia dell’affollato gruppo di testa.

Moto2 – Partenza da brividi per la middle-class. Pochi metri dopo il pronti via una caduta di Axel Pons, la cui moto è rimasta in mezzo alla pista, ha innescato una serie di carambole che hanno in principio fatto temere il peggio. Nonostante i mezzi ne siano usciti devastati, i piloti coinvolti non hanno fortunatamente riportato gravi conseguenze. Dopo la bandiera rossa, è fissato quindi dalla direzione gara un nuovo start, con corsa accorciata a soli dodici giri.

La seconda ripartenza premia Rabat ed Espargaro: i due partono forte e si contendono la posizione di testa ma è presto Tito a dettare legge imponendo il suo passo e guadagnando margine. Mentre Rabat s’invola dunque verso la meritata vittoria, il team-mate si è confrontato con lo svizzero Luthi strappandogli la seconda posizione nel finale. Un avvicendamento non banale tenendo conto della classifica mondiale che vede ora Espargaro vicino a un Redding oggi non riuscito a fare meglio della settima piazza. Il britannico, scattato bene in occasione del primo start, non è riuscito a ripetersi durante il secondo pronti via: assestatosi in sesta piazza, è stato beffato in volata dal francese Zarco, che gli ha strappato il piazzamento e un ulteriore punto iridato.

Mara Guarino 

Foto homepage via: eniracing.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews