Moto2: domani a Valencia i primi test ufficiali del 2012

Andrea Iannone (motorcyclenews.com)

Non solo MotoGP. Spentisi i riflettori sui test di Sepang, la classe regina passa momentaneamente in secondo piano per lasciare spazio alle prime prove collettive 2012 della Moto2. A partire da domani, i piloti della middle-class saranno infatti impegnati per 3 giorni nella messa a punto del mezzo con cui si contenderanno il titolo iridato.

E, complice una griglia numerosa che non si fa mancare né nuovi arrivi né gradite – quanto inaspettate -conferme, la corsa al mondiale si preannuncia serrata e ricca di colpi di scena. Per un Stefan Bradl che lascia in favore delle 1000cc, c’è innanzitutto un Toni Elias che fa ritorno in quella categoria che lo ha reso campione del mondo nel 2010. Lo scorso anno, lo spagnolo in forze al team di Lucio Cecchinello ha disputato un campionato a dir poco disastroso: inevitabile dunque per lui abbandonare la MotoGP per cercare altrove la competitività perduta.

Volontà di confermarsi anche gli italiani Simone Corsi e Andrea Iannone. Entrambi hanno già fatto vedere cose interessanti nelle passate stagioni ma, pur per motivi diversi, hanno peccato soprattutto in termini di continuità. In particolare, il riscatto di Iannone passerà attraverso la decisione di tornare al telaio FTR; Andrea ha così preferito abbandonare quella Suter, che gli ha sì regalato momenti da protagonista ma anche risultati troppo altalenanti per un pilota che punti davvero a mettere il numero 1 sulla propria carena.  Tra i “veterani” della categoria, da non sottovalutare neppure il sammarinese Alex De Angelis.

Marc Marquez (motorcyclenews.com)

Riflettori puntati, poi, sui giovani in arrivo dalla 125. E se quasi scontato, dopo la vittoria dell’ultimo titolo iridato messo in palio dall’ormai pensionata ottavo di litro, pare il balzo in avanti di Nico Terol, più azzardata risulta la scelta di Zarco. Il francese ha infatti preferito rinunciare alla Moto3, dove, almeno sulla carta, suo unico avversario per la conquista del mondiale sarebbe stato Maverick Viñales, per lanciarsi in questa nuova sfida, che rischia tuttavia di riservargli un ruolo da comprimario. La mentalità vincente certo non gli manca, data la determinazione con cui ha sostenuto la sua decisione.

Capitolo a parte quello relativo a Marc Marquez, l’unico talento forse in grado di “ammazzare” il mondiale 2012 sul nascere. L’ex campione della 125 paga tuttavia ancora i postumi di quell’incidente che, a Sepang, gli ha negato la possibilità di giocarsi con Bradl lo scorso mondiale della Moto2. L’occhio destro ha continuato a dargli problemi sino all’operazione di qualche settimana fa: la convalescenza non è ancora terminata e, per ragioni di sicurezza, a Valencia il ragazzo di Alzamora non ci sarà. Nella speranza che l’intervento sia stato risolutivo, l’augurio è quello di vederlo presto di nuovo in pista a contendersi podi e vittorie, così da conquistarsi quel posto al sole nella classe regina cui sembrava già predestinato.

Mara Guarino

Foto homepage via: motorcyclenews.com

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews