Morto il regista Vittorio De Seta

ROMA – Si è spento in Calabria, dove si era ritirato nel suo ultimo periodo di vita, Vittorio De Seta, noto regista e documentarista tra i più importanti in assoluto sul panorama italiano.

All’età di 88 anni, dunque, De Seta lascia una pesante eredità in termini di difficile rispolvero di culture arcaiche soprattutto legate al meridione. Sono passati alla storia (e studiati nelle migliori facoltà italiane) molti suoi documentari, tra i quali Lu tempu de li pisci spata (sulla pesca come vero e proprio rituale popolare), Un giorno in Barbagia e I dimenticati, importantissimi spaccati per immagini di culture contadine relegate a puro sfondo dell’umanità alle quali è concesso un giorno di festa popolare come unico diritto per sentirsi ancora vive.

Palermitano di famiglia aristocratica, dunque, De Seta ha comunque scelto di trascorrere l’intera vita al fianco dei “dimenticati” per estrapolarne l’essenza attraverso il suo caratteristico sguardo tanto osservativo quanto spiritualmente vicino all’atmosfera della realtà dei luoghi da lui studiati.

Da vero antropologo dell’immagine, di lui resta proprio il senso di appartenenza ad una realtà con le radici estremamente profonde e riscontrabili in un tempo perduto perché ancora sospeso in un limbo mai condiviso né avvicinato dal consumismo di massa post boom economico.

Redazione

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews