Morti di sonno: tre casi ‘mondiali’ in Cina

Tre decessi per il troppo poco sonno: succede in Cina, dove si resta svegli fino all'alba per seguire le partite mondiali dal Brasile

sonno

Cina by nighT. poco sonno e molti Mondiali (stuffintheair.com)

Cina – Il calcio è una malattia: che noi italiani fossimo dipendenti lo sapevamo già e questi Mondiali non stanno aggiungendo nulla. A sorprendere – ma solo in parte – è che in Cina questa passione maniacale posa costare delle vite: la colpa è del fuso orario, ma anche di un morboso attaccamento alle dirette tv, che spinge a perdere tanto il sonno quanto la vita.

VITTIME – Sono già tre i decessi in Cina, tre persone morte di sonno per seguire le partite dei Campionati mondiali di calcio che si stanno svolgendo in Brasile. Si tratta di Li Mingqiang, un ex portiere professionista di 51 anni, di un trentanovenne di nome Zhou e di un venticinquenne ancora senza nome nella provincia di Suzhou. Questi giorni, poi, saranno i più rischiosi: quattro partite al giorno, incontri densi per la risoluzione dei gironi, match importanti che gli appassionati non vorranno perdere, a costo di rinunciare al sonno.

Uruguay - Inghilterra

(foto da Facebook Fifa World Cup)

CREPACUORE - Dormire poco può causare problemi di cuore, non è certo una novità. E quale miglior motivo per restare svegli di un bel match calcistico ai Mondiali? Il vero problema degli appassionati orientali è il fuso orario: a Shangai e Pechino le ore di differenza sono ben 11, il Brasile è praticamente dalla parte opposta del globo per i calciofili cinesi. Così accade che le gare si svolgano anche alle 4 o alle 5 del mattino, un orario sfiancante per chi il giorno dopo torna al lavoro; e così, partita dopo partita, il sonno diminuisce e la stanchezza si accumula.

STANCHEZZA – Tutti i tre decessi, infatti, sono stati accomunati dall’eccessiva stanchezza dei defunti: troppo poco sonno, insomma, ed è tutta colpa delle partite dei Mondiali. Li Mingqiang, infatti, ha avuto un attacco di cuore durante Olanda-Spagna, mentre il venticinquenne di Suzhou sarebbe stato stroncato da un collasso cardiocircolatorio dovuto alla stanchezza mentre seguiva Cile-Australia. Causa diversa ma stesse motivazioni per Zhou: il trentanovenne avrebbe accusato un’emorragia cerebrale mentre seguiva i match in un locale con gli amici.

l-italia-passa-il-turno-se-combinazioni-criteri

Il gol di Ruiz contro l’Italia (Facebook Fifa World Cup)

ALLARME UFFICIALE? – Le notizie dalla Cina arrivano sempre con difficoltà, quindi risulta difficile soppesare gli allarmi, anche quando riguardano il sonno dei cinesi. Secondo le fonti interne, infatti, le autorità mediche hanno suggerito ai cittadini di rinunciare a qualche match secondario e prendersi ore di riposo notturno, per diminuire lo stress.

NON LA PRIMA VOLTA – A rendere credibile questo allarme sono i precedenti: anche con gli Europei del 2012 c’era stato un decesso, un giovane stroncato da un esaurimento nervoso dopo che era rimasto senza sonno per undici notti consecutive, impegnato a seguire i match delle compagini impegnate in Europa. Anche le precedenti edizioni dei Mondiali, Germania 2006 e Sud Africa 2010, avevano visto dei casi di stanchezza eccessiva, ma tutto si era risolto con dei ricoveri.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews