Michael Schumacher e la velocità: gli incidenti più brutti della vita

michael schumacher

A Silverstone, nel 1999, si è rotto tibia e perone (foto: sportbild.de)

Grenoble (Francia) – Quanto è beffardo il destino, inevitabilmente viene da chiederselo. Una vita vissuta a 300 all’ora sempre sul limite dei centesimi. Tanti incidenti in monoposto, alcuni dei quali anche gravi. Poi una caduta sugli sci rischia di spegnere la stella del Campionissimo di Formula 1.
Michael Schumacher, da ieri mattina, è ricoverato all’Ospedaliero Universitario di Grenoble dopo essere stato vittima di una caduta sugli sci. L’ex ferrarista ha sbattuto la testa su una roccia che gli ha procurato un gravissimo trama cranico trasformatosi in un’emorragia cerebrale. La situazione è apparsa ben più grave di quanto si pensasse e la stessa equipe medica ha preferito non esprimersi sulle possibilità di sopravvivenza del tedesco. A differenza di tanti suoi ex colleghi, il sette volte campione del mondo di Formula 1, è stato protagonista di pochi incidenti ritenuti particolarmente gravi.

IMOLA 1995 - Gran Premio di San Marino. Dopo aver vinto il mondiale l’anno precedente, Schumacher intende bissare il successo anche nel 1995, sempre a bordo della Benetton. Sul tracciato del Santerno, tra il dosso che segue la Tosa e la curva della Piratella, la vettura del tedesco scarta a destra disintegrandosi contro le barriere di protezione. Pilota illeso.

SILVERSTONE 1999 - Sicuramente il più brutto, quello più grave, l’unico che lo ha costretto a stare lontano dalla monoposto per molti Gran Premi. Il tedesco, alla caccia del compagno Irvine, era alla guida della Ferrari quando in occasione dell’appuntamento di Gran Bretagna andò a sbattere a tutta velocità contro le barriere di protezione per un problema ai freni. Si fratturò tibia e perone.

MELBOURNE 2001 - Nuovo millennio e nuovi anni vittoriosi con la Ferrari, dopo un digiuno di quattro anni. La Formula 1 fa il suo debutto stagionale a Melbourne, per il Gran Premio d’Australia e proprio in occasione delle prove libere, ma Rossa di Schumacher è protagonista di uno spettacolare cappottamento fortunatamente senza conseguenze per il pilota originario di Kerpen.

MONZA 2004 - È il 2 settembre e sul tracciato di Monza si stanno disputando i tradizionale test che anticipano il Gran Premio d’Italia. Il giovedì pomeriggio, Michael Schumacher è protagonista di un brutto incidente a bordo della sua F2004. Il pilota della Ferrari si è scontrato con le barriere sul rettilineo principale e anche se la sua Rossa non è rimasta danneggiata seriamente, il tedesco è rimasto sdraiato sull’erba per qualche momento dopo l’impatto. L’incidente è avvenuto a causa di un cedimento della gomma posteriore sinistra nell’affrontare la prima chicane del circuito brianzolo.

FEBBRAIO 2009 - Il tedesco a Cartagena sta effettuando un test con una moto Superbike, una Honda CBR, grazie alla collaborazione col team Holzhauer. Il Kaiser è caduto rovinosamente per terra e secondo alcune indiscrezioni, sembrava che avesse perso conoscenza. Portato in ospedale per accertamenti, venne dimesso dopo poco tempo. Il tedesco accusa problemi al collo provocati dall’incidente in moto che non gli permettono di prendere il posto di Felipe Massa in Ferrari, dopo i fatti di Budapest.

I dolori al collo per la caduta in Superbike hanno compromesso il rientro al posto di Felipe Massa (foto: dw.de)

I dolori al collo per la caduta in Superbike hanno compromesso il rientro al posto di Felipe Massa (foto: dw.de)

ABU DHABI 2010 - Il più grave del suo triennio trascorso in Mercedes. Durante le fasi iniziali del Gran Premio di Abu Dhabi, nel 2010. Il tedesco finisce in testacoda e viene centrato dalla Force India di Tonio Liuzzi: le vetture si sono schiantate quasi frontalmente e la monoposto dell’italiano passa a una manciata di centimetri dal casco di Schumacher.

PER IL POPOLO DI FACEBOOK È MORTO - Sono già più di 150 le pagine su Facebook che danno come morto Michael Schumacher. Lo sciacallaggio in rete è già iniziato e la prima fan page creata conta oltre 19 mila like.

foto homepage: theage.com.au

Eleonora Ottonello

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews