Messe di Nastri d’Argento per ‘Habemus Papam’

TAORMINA – Messe di premi per Nanni Moretti ai Nastri d’Argento. Su sette candidature Habemus Papam si è aggiudicato sei premi, in primis il premio per il regista del Miglior film a Nanni Moretti che ha modo di rifarsi dopo la mancata vittoria a Cannes.

Gli altri riconoscimenti che si è aggiudicata la pellicola di Moretti sono stati soggetto (ancora Moretti con Francesco Piccolo e Federica Pontremoli), scenografia (Paola Bizzarri), costumi (Lina Nerli Taviani), fotografia (Alessandro Pesci) e miglior produttore dell’anno (di nuovo Nanni Moretti, questa volta in coppia con Domenico Procacci).

Tre Nastri sono andati a Vallanzasca – Gli angeli del male, controversa pellicola biografica dedicata al “bandito gentiluomo” milanese degli anni 70, diretta da Michele Placido: Kim Rossi Stuart come miglior protagonista, Negramaro per la migliore colonna sonora e Consuelo Catucci per il miglior montaggio.

Laura Delli Colli, presidente dei giornalisti cinematografici ha voluto sottolineare come I Nastri d’Argento siano andati controtendenza nell’annata della commedia scegliendo di premiare il cinema d’autore e sopratutto premiando e andando a confermare il ricambio del cinema d’autore segnalando una nuova generazione di attori e autori tra cui spicca l’inaspettato e felicissimo esordio di Alice Rohrwacher che ha vinto, riuscendo a distinguersi in un annata ricca di proposte interessanti.

Anche sul versante dei premi si segnala una novità, l’introduzione del Premio Antica Fratta- Nastri d’Argento che è stato assegnato ad Anna Foglietta e Alessandro Siani (Benvenuti al Sud che è valso il Nastro per la miglior sceneggiatura a Massimo Gaudioso) miglior attrice e miglior attore nell’ambito della commedia.

Per i quattro premi riguardanti le migliori interpretazioni a Kim Rossi Stuart è stato assegnato il premio come miglior attore protagonista del 2011 per Vallanzasca- gli angeli del male (l’attore è anche il personaggio Persol dell’anno), il nastro d’argento per la migliore attrice protagonista è andato ad Alba Rohrwacher per la sua straorindaria performance in uno dei maggiori successi dell’anno, La Solitudine dei numeri primi di Saverio Costanzo, il miglior attore non protagonista dell’annata è Giuseppe Battiston (La Passione di Carlo Mazzacurati)  mentre per quanto riguarda il premio alla migliore attrice non protagonista è appannaggio di Carolina Crescentini per Boris il film e 20 sigarette.

Alice Rohrwacher, sorella di Alba, ha vinto il premio per la miglior regista esordiente con Corpo Celeste, presentato con successo alla mostra del cinema di Cannes.

Davide Schiano di Coscia

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews