Mercedes travolge Cota sulle liste elettorali

Sentenza del Tribunale regionale: il governatore del Piemonte deve rinunciare a 12 mila voti mentre la Bresso esulta e già parla di “riproclamazione”

di Chantal Cresta

italiaTorino – Un periodaccio per Roberto Cota, governatore del Piemonte da marzo 2010 ed esponente Lega Nord. Pare che la bagarre intorno alla vicenda sull’illegittimità di alcune delle liste elettorali di centrodestra, che hanno portato il neo eletto presidente a sedere sulla poltrona della Regione, non voglia spegnersi. L’ultimo atto è del 14 ottobre scorso: il riconteggio delle schede elettorali deciso dal Tar del Piemonte questa estate ha negato a Cota 12 mila dei 15 mila voti che hanno decretato la sua elezione.

Precedenti – Il ciclone intorno alle liste regionali scoppia subito dopo la proclamazione di Cota a governatore. L’ex presidente, Mercedes Bresso (Pd) ricandidata e perdente, procede con 2 ricorsi al Tar. L’esposto della Bresso riguarda la mancata trasparenza di 4 liste del centrodestra: “Verdi Verdi”, “Consumatori per Cota”, “Al centro con Deodato Scandereberch” e “Pensionati per Cota” che hanno permesso all’attuale governatore di vincere con uno scarto di appena 9.372 voti sulla concorrente.

In luglio, il Tar accetta uno degli esposti (l’altro cade), difinendo l’effettiva illegittimità delle liste Consumatori e Scandereberch: mancanti della doppia croce (sulla lista e sul nome del Presidente) pur essendo state, al momento delle elezioni, regolarmente autorizzate. Altrettanto illegale la lista Pensionati, sotto inchiesta al Tribunale di Torino per 18 delle 19 firme di sottoscrittori, false. Passano i mesi e, da qualche giorno, sono disponibili i risultati ufficiali della verifica richiesta dal tribunale: 12 mila dei 15.179 voti in favore di Cota non sono validi.

Lo scenario politico – che si profila, adesso, in Piemonte è più che mai oscuro e la domanda sembra essere una sola: a chi spetta governare la regione? La Bresso non ha dubbi: «La sentenza del Tar sembra parlare di “riproclamazione”, cioè io sarei di nuovo presidente. E mi sembra l’esito più giusto, era me che gli elettori avevano votato. Se invece Tar e Consiglio di Stato si pronunciassero su nuove elezioni, per una nuova candidatura mi rimetterei al giudizio del Pd». Il Carroccio di Umberto Bossi, in egual modo, non sembra intenzionato a fare un passo indietro: «Se vogliono far perdere Cota – ha dichiarato furente il Senatùr – si mette male la democrazia perché chi ha perso, ha perso e basta. C’è qualcuno che vuole annullare dei voti validi». Roberto Cota, inoltre, ha rigorosamente smentito anche le dicerie a proposito di sue presunte dimissioni anticipate. Una mossa in extremis – dice qualcuno a Piazza Castello – che il governatore potrebbe compiere per portare la Giunta a nuove elezioni prima della sentenza definiva del Tar e che, comunque, sostiene l’avvocato di Mercedes Bresso, Enrico Piovano, «[…] sarebbe un atto unilaterale impugnabile, compiuto non nell’interesse pubblico ma di un partito politico».lega nord piemonte

Dunque, l’unica cosa sicura è la data 19 ottobre, giorno in cui il Consiglio di Stato verificherà, a sua volta, i criteri con i quali il Tar ha stabilito e portato avanti l’esposto sull’irregolarità delle liste e il riconteggio dei voti.  Per il momento, quel che resta è un Piemonte fortemente indebitato su cui pesano gli enormi buchi di bilancio perpetrati dalla Bresso ai danni della regione a cui si sono sommate le spese di consulenza legale esterna  stanziate dalla Giunta Cota per difendere il suo presidente (malgrado la Regione disponga di un ufficio legale interno). All’inizio di settembre si contavano circa 40 mila € di parcelle, soldi destinati sicuramente ad aumentare con il procedere di ricorsi e sentenze.

Video via http://www.youtube.com/watch?v=EK4-KYWlpkI

FOTO via: http://upload.wikimedia.org; http://www.lineaquotidiano.net

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Mercedes travolge Cota sulle liste elettorali

  1. avatar
    Antonio Bigoni 25/12/2011 a 14:53

    Direi che invece è la Madame Bresso che alla fine è stata travolta !
    :)

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews