Megadeth: Mustaine si dà alla classica. Foto e video del concerto

mustaine si dà alla classica

Una foto dell’esclusivo concerto avvenuto ieri a San Diego (utsandiego.com)

SAN DIEGO – Ieri sera, sabato 13 aprile 2014, si è svolto presso la Coppey Symphony Hall di San Diego uno speciale concerto di musica euro-colta che ha suggellato il connubio fra la più illustre musica classica e uno dei padri indiscussi del thrash metal. Dall’alto dei suoi cinquantadue anni il cattivissimo e celeberrimo frontman litigioso Dave Mustaine si è esibito con la San Diego Symphony per un concerto chitarra-orchestra intitolato “Symphony Interrupted”.

MEGADETH: MUSTAINE SI DÀ ALLA CLASSICA – Militante per un breve tempo con i Metallica e fondatore della grintosa thrash metal band Megadeth, il Mustaine del secondo periodo si è avvicinato a orizzonti che da giovane non avrebbe mai ipotizzato di poter ammirare. Dopo una lesione causata dallo schiacciamento del nervo radiale del 2002, Mustaine fu costretto a ritirarsi dalle scene musicali in quanto impossibilitato a suonare la chitarra. In quel periodo, i Megadeth furono sciolti e Mustaine si dedicò anche alla vita spirituale e alla beneficenza, convertendosi anche al cristianesimo.

LA SCALETTA DEL CONCERTO - Dal 2004 ritornò a calcare i palchi mondiali come membro dei Megadeth e, con il disco United Abominations, confermò la presenza del diritto di sedersi sul trono dei grandi padri del thrash metal. Ed è proprio dall’alto della vetta dove regnano i cattivi che Mustaine ha deciso di scontrarsi con la musica “classica”, organizzando un incontro sonoro nel quale il suo linguaggio tenebroso e aggressivo ha comunicato con gli eterni maestri di ogni dove. La scaletta del concerto ha previsto alcuni brani di repertorio estrapolati dalle opere di Richard Wagner, Antonín Dvořák  Antonio Vivaldi e Johann Sebastian Bach, legando il nome dell’esclusivo show con uno dei pezzi più celebri dei Megadeth.

mustaine si dà alla classica

Primo piano su Mustaine, seduto in mezzo alla San Diego Symphony (utsandiego.com)

UN CONCERTO DAL DOPPIO SIGNIFICATO - Symphony of Distruction è la seconda traccia di Countdown to Extinction, il celebre disco di Megadeth pubblicato nel 1992 che vinse i Grammy Awards del 1993 con un fatturato di circa due milioni di copie vendute solo negli Stati Uniti.

Tra Le Quattro Stagioni e La Cavalcata delle valchirie, il potente groove di Mustaine spunta fra le armonie dell’orchestra di archi per un concerto esclusivo al quale hanno partecipato circa duemila spettatori. Nonostante il ragazzaccio abbia dato anima e cuore al mondo del metal, Mustaine non nasconde di aver tratto ispirazione dalla musica classica per la composizione delle sue pietre miliari con i Megadeth.

UNA PASSIONE NASCOSTA PER LA CLASSICA - Da giovane Dave suonava il pianoforte e, durante le registrazioni del dissacrante disco d’esordio dei Megadeth, intitolato Killing is My Business…And Business is Good!, Mustaine si divertiva a giocare al piano con le complesse e magistrali melodie della Fuga in re minore di Beethoven.

RICORDANDO LA MADRE - L’irriverente Dave Mustaine si è sciolto in una riflessione nostalgica ricordando la madre scomparsa. Pare che da giovane, durante le prove con i suoi primi gruppi metal, la madre invitava sempre Dave ad abbassare il volume degli amplificatori onde evitare di ammazzare qualcuno per il troppo rumore. Oggi, dopo aver raggiunto un successo strepitoso con la sua tipica aura tagliente e agguerrita, si è concesso qualche ora di dolcezza con la San Diego Symphony.

Nonostante sia stata vietata la registrazione privata del concerto, uno spettatore è riuscito a filmare qualche minuto dell’esclusiva esibizione, nel quale Mustaine mostra ancora di avere qualche asso nella manica come virtuoso della chitarra.

mustaine si dà alla classica

Un bel capello fiorente per il frontman dei Megadeth (utsandiego.com)

UNA FRECCIATINA DIRETTA AI METALLICA? - L’incontro con i grandi della musica colta di Dave Mustaine potrebbe riaccendere qualche diatriba passata con i membri della thrash metal band “rivale” Metallica, i quali pubblicarono nel 1999 il live album S&M, il cui titolo – Symphony and Metallica – e tema risultano similari allo show del leader dei Megadeth.

Il disco contiene le registrazioni del concerto di San Francisco dell’aprile 1999, dove la band capitanata da James Hetfield si esibì con la San Francisco Symphony Orchestra per plasmare i propri successi in versione “classica”. Secondo la leggenda, nel 1988 Mustaine compose Liar per accusare Kirk Hammet dei Metallica di avergli rubato la paternità di alcuni pezzi. Chissà come la prenderà lo storico chitarrista dei Metallica dopo aver ascoltato Mustaine che si destreggia alla chitarra accompagnato da un’orchestra.

Foto preview: laaweekly.com

Rachele Sorrentino

@rockeleisrock

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews