Meeting di Rimini: “Con matrimoni gay, a rischio avanzamento specie”

Il popolo di Cl si schiera apertamente contro i matrimoni omosessuali (donnae.it)

Rimini - Il popolo di Rimini non è con Pier Ferdinando Casini. Le aperture del leader Udc alle unioni civili non sono piaciute ai militanti di Comunione e Liberazione, che le hanno etichettate nel migliore dei casi come “semplici provocazioni” o “tecniche per allargare i consensi elettorali”. I più drastici hanno invece duramente attaccato Casini bollandolo come “un cattolico senza Chiesa”.

Fedeli alle idee della Chiesa, i militanti del movimento fondato da Don Giussani, non sentono ragioni quando si parla di unioni tra persone dello stesso sesso. Tutti i giovani intervistati da Repubblica, sembrano aver le idee chiare su un argomento di grande attualità, cioè quello dei matrimoni tra omosessuali: “Un male per l’umanità”, “un rischio per l’avanzamento della specie”, “un’assurdità”.

“Una coppia etero dà dei figli allo Stato. Una coppia gay cosa dà? Vogliono dei diritti, ma in cambio cosa portano alla società?” dichiara provocatorio uno dei militanti intervistati accorso alla Fiera di Rimini. C’è inoltre chi è fermamente convinto che il matrimonio tra omosessuali sia per sua natura poco longevo e chi considera questa possibilità “come il diritto a girare nudo”, non proprio una necessità insomma. Per la maggior parte dei partecipanti la minaccia più forte resta comunque quella di un futuro senza bambini.

Le interviste di Repubblica al Meeting di Rimini sono state commentate con indignazione da Franco Grillini, responsabile diritti civili e associazionismo dell’Italia dei Valori e storico esponente dell’Arcigay: «L’incontro di Comunione e Liberazione a Rimini è diventato un vero e proprio palcoscenico di espressioni razziste e violentemente antiomosessuali, come emerge da alcuni organi di stampa». Grillini invita il popolo di Cl a guardare piuttosto ai guai del loro massimo esponente Roberto Formigoni “non è certo un campione di virtù, né nella vita pubblica né in quella privata”. Infine lancia un’esortazione a “guardarsi bene dal fomentare, con pregiudizi e luoghi comuni, fenomeni di violenza sociale e di odio, che accadono fin troppo di frequente nel nostro Paese”.

Davide Lopez

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

3 Risponde a Meeting di Rimini: “Con matrimoni gay, a rischio avanzamento specie”

  1. avatar
    Maria 21/08/2012 a 14:17

    Ahah, peccato che “Famiglia Cristiana” abbia attaccato CL e criticato il suo crongresso a Rimini. Sono solo dei falsi cattolici a cui interessano i soldi e il potere. Quella mafia cattolica è un altro morbo dello Stato italiano.

    Sono i ciellini il male dell’umanità. Spero di leggere presto che in Italia finalmente anche le coppie omosessuali possono unirsi in matrimonio. Ci sono tantissime persone omosessuali che per la società fanno molto e di più di tutte quei faccendieri corrotti che si son pavoneggiati a Rimini.

    Rispondi
  2. avatar
    Mauro Cioffari 21/08/2012 a 19:21

    Meeting Rimini 2012 di Comunione e Liberazione: “Le unioni gay un male
    per l’umanità”. Le responsabilità degli sponsor.

    Il popolo del Meeting di Rimini, secondo quanto riportato
    nell’articolo pubblicato il 20 agosto nelle pagine di “La Repubblica”,
    cronaca di Bologna, è compatto contro i diritti alle coppie
    omosessuali: “Le unioni gay un male per l’umanità, (…) un’assurdità ed
    un rischio per l’avanzamento della specie”. Critiche anche al leader
    Udc Casini, che ha recentemente aperto un timido spiraglio: “Un
    cattolico senza chiesa a caccia di voti”.

    Cosa ne pensano i vari Main partner, Official partner e Institutional
    partner di queste dichiarazioni omofobe lesive della dignità delle
    persone gay e lesbiche? Quanti soldi hanno investito in questo evento
    che promuove l’odio nei confronti delle persone omosessuali e fomenta
    il disprezzo nei confronti di progetti di vita e di amore diversi da
    quelli promossi da Comunione e Liberazione? Quali azioni preventive
    contro l’omo – transfobia hanno intrapreso o intendono prossimamente
    intraprendere questi sponsor?

    Pongo queste domande ad Enel, Finmeccanica, Intesa San Paolo, Wind,
    Repubblica di San Marino, Regione Emilia Romagna, Provincia di Rimini,
    Autostrade per l’Italia, Coop, Fiat, Eni, Trenitalia, Lottomatica,
    Motta, Sky, Grana Padano, e a tutti gli sponsor che con i loro soldi e
    patrocini hanno reso possibile e finanziato il Meeting di Rimini 2012.

    Mauro Cioffari

    Rispondi
  3. avatar
    Mirko 28/08/2012 a 02:42

    Cielle è il vero morbo globale, che dovrebbe essere estirpato senza indugi, senza se e senza ma, prima che infetti e ammorbi l’intera nostra società, in uno stato davvero CIVILE associazioni come codesta dovrebbero essere messe immediatamente al bando… il loro solo fine è lucrare, il loro solo Dio il potere-denaro… Sono come i mercanti del tempio presi a scudisciate da Gesù Cristo, nè più e nè meno, essi hanno travisato il reale messaggio cristiano, fatto di umanità e di fratellanza, le loro parole sono intrise solo d’odio… nessun messaggio davvero cristiano dai loro incontri, solo tanta ipocrisia e falsità.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews