Matematica e grillini: il complotto corre sull’affluenza

Piccole disavventure sul web di alcuni elettori grillini, impreparati o troppo ingenui: la storia del voto a penna e dell'affluenza taroccata

1798677_10152223690524748_7188554135612501923_n (1)

Roma – Il complottismo non ha mai fine e sembra trovare terreno fertile tra gli attivisti e i simpatizzanti del Movimento 5 Stelle. Se ieri i grillini si erano distinti per il selfie in cabina elettorale – una performance che potrebbe costare fino a tre anni allo sfortunato elettore – anche nelle ore successive alla chiusura delle urne qualcuno ha saputo farsi notare. E il popolo della Rete ne ha approfittato.

BOLOGNA, L’AFFLUENZA E I PARTITI – Il dubbio dei brogli era circolato nel pomeriggio anche sulle pagine di alcuni parlamentari: si vociferava di “ordini dal Viminale” per i Presidenti di seggio affinché annullassero più schede possibili del Movimento 5 Stelle. Poi, con i dati, una elettrice bolognese scende in campo con uno dei più divertenti dubbi elettorali, tanto da accalappiare commenti e retweet.

grillini

Il post di ringraziamento di Grillo agli elettori, unica attività web ufficiale del partito dopo le elezioni (beppegrillo.it)

SOMME E PERCENTUALI – Il dubbio dell’elettrice è come sia possibile che, a fronte di una bassa affluenza, la somma delle percentuali dei partiti superi – di gran lunga – quella dell’affluenza stessa. Il dubbio non tiene certo conto del fatto che le percentuali dei partiti sono date sulla somma dei voti espressi, quindi in funzione dell’affluenza, che non è quindi il tetto matematico delle percentuali.

REAZIONI – La maggior parte dei commenti sono tra il divertito e l’ironico, ma non si sprecano frecciate anche oltre il limite della buona educazione. Qualcuno cerca di spiegare sommariamente come funziona il meccanismo ma la maggior parte se la prende con l’elettrice, passando a insulti e derisione.
Sicuramente il dubbio era ingenuo e celava una scarsa praticità con la materia: da lì il passo al sospetto di complotto è stato breve e, purtroppo, è proprio su questi meccanismi che fanno leva molti abili comunicatori politici. Non solo grillini, ovviamente.

grillo

VIAREGGIO – Gli inconvenienti ai seggi nella giornata di ieri non si sono limitati alla matematica. Ancora una volta a stupire in Rete è un elettore del Movimento 5 Stelle che, perplesso sulle modalità di voto, chiede lumi sulla pagina Fecebook del partito a Viareggio.
Se l’anno scorso Grillo suggeriva di “succhiare la matita” per rendere indelebile il simbolo, quest’anno il ricorso – alla penna – sembra d’obbligo.
Per i grillini un’altro smacco digitale, mentre anche l’afflusso di voti non sembra dei migliori.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews