Maria de Villota operata per ridurre la frattura cranica

La 32enne madrileña è stata operata, sedata e attualmente si trova in terapia intensiva

Duxford (Gran Bretagna) – Dopo il terribile incidente avvenuto all’Imperial War Museum sulla pista aeroportuale di Duxford, per Maria de Villota sarà quasi impossibile dimenticare tutto quello che è accaduto il 3 luglio 2012.
La tester della Marussia, nella tarda serata di ieri, è stata operata al cranio per ridurre le ferite: sedata, sarebbe stata ricoverata in terapia intensiva ma per capire se l’intervento ha avuto buon fine bisognerà attendere le successive quarantotto ore.

L’incidente – La 32enne spagnola, nella fase di avvicinamento al garage, ha impattato contro il camion con la quale la scuderia moscovita ha trasportato la monoposto dalla factory poco lontana alla pista aeroportuale dove la Marussia avrebbe effettuato dei test sull’efficacia degli ultimi aggiornamenti su alettone anteriore e sul fondo vettura che sarebbero stati montati sulla MR-01 a partire dal Gran Premio di Gran Bretagna di domenica. La madrileña figlia di Emilio de Villota, ex pilota di Formula 1, ha perso conoscenza per circa quindici minuti ed è stata letteralmente estratta dai rottami della monoposto dalle squadre dei soccoritori che hanno circa impiegato un’ora per portare in salvo Maria, prima di trasportarla all’Addenbrookes Hospital di Cambridge.

La testimonianza – Chris Mann, reporter della Bbc del Cambridgeshire e presente al primo test della de Villota al volante della Marussia, ha spiegato come lo scontro sia avvenuto all’improvviso e senza un evidente motivo: «Inizialmente la MR-01 ha rallentato per l’installation lap, poi improvvisamente e senza un’apparente ragione, la monoposto ha accelerato andando a schiantarsi contro il camion a circa 30-40 miglia l’ora – ha spiegato Mann – Il casco è saltato via ed è rimasta incastrata dentro l’abitacolo».

Errore umano o problema tecnico? – Secondo quanto descritto da Mann, la monoposto sarebbe scattata all’improvviso, quasi come se si fosse disinserito il dispositivo del limitatore di velocità. Anche se nulla è ancora stato accertato, in base anche all’audio della BBC, la causa principale sembrerebbe da ricercarsi nell’inesperienza della driver spagnola nella gestione dei sofisticati dispositivi elettronici che sono sistemati su un volante di una Formula 1.

La situazione attuale – Anche se Maria de Villota sembrerebbe fuori pericolo di vita, come ha annunciato nel tardo pomeriggio di ieri la Marussia attraverso un comunicato stampa, bisognerà aspettare le prossime 48 ore per vedere l’evoluzione della situazione e dell’entità delle lesioni. La tester, operata in nottata, è stata trasferita in terapia intensiva come ha confermato anche Carlos Gracia, presidente della Federación Española de Automovilismo.

L’affetto dei colleghi – L’incidente di Maria De Villota ha avuto un’immediata eco nel mondo della Formula 1 tanto che sono stati numerosi i colleghi che hanno voluto farle sentire il proprio appoggio. Fernando Alonso ha voluto parlare con la famiglia della compatriota per accertarsi delle sue condizioni, Jenson Button, Lewis Hamilton, Pedro de la Rosa, Susie Wolff e altri driver della classe regina del Motorsport le hanno dedicato un pensiero attraverso i loro profili ufficiali di Twitter.

maria-de-villota-incidente-gallery-marussia-duxford-001

Eleonora Ottonello

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews