Marciapiede con corsia per smartphone, l’idea di National Geographic

A Washington c'è un marciapiede con corsia dedicata a chi cammina senza staccare la testa dallo smartphone. Una provocazione di National Geographic

marciapiede-corsia-smartphone-washington-national-geographic

Il marciapiede per smartphone a Washington (@Sonali_Kohli)

Testa calata verso il basso, sguardo fisso sui pochi pollici dello schermo, rischio elevato di collisione con altri passanti o arredo urbano. Cosa c’è di meglio allora di un marciapiede con corsia dedicata per smartphone, per consentire agli utilizzatori dei telefonini intelligenti di passeggiare in sicurezza? Basta andare a Washington per trovarla e camminare sul marciapiede della 18th Street Nortwest telefonino alla mano, senza rischiare collisioni indesiderate. O Al massimo “tamponando” un proprio “simile”.

MARCIAPIEDE DIVISO IN DUE - La provocazione è apparsa pochi giorni fa sul marciapiede della capitale statunitense: un passaggio pedonale diviso a metà (più o meno) dalle indicazioni disegnate sull’asfalto. La parte più grande è caratterizzata dal divieto NO CELLPHONES, mentre una parte più piccola, divisa a sua volta in due metà, reca la scritta CELLPHONES – Walk in this line at your own risk. Ossia corsia dedicata a chi vuole utilizzare il telefono cellulare mentre cammina, a proprio rischio e pericolo.

marciapiede-smartphone-corsia-washington-national-geographic

L’indicazione all’inizio della corsia per smartphone (iphoneitalia.com)

La parte di marciapiede per smartphone è divisa a metà, con delle frecce disegnate continuativamente sull’asfalto per indicare le due direzioni di marcia. Se si vuole smanettare sul telefonino senza rischiare impatti imprevisti, basta lasciarsi guidare dalle frecce, senza neanche alzare la testa dallo smartphone. La segnaletica orizzontale per perdoni è stata realizzata mercoledì scorso durante la notte. Nelle prime ore del giovedì la gente ha ignorato le indicazioni del marciapiede, poi lentamente ha iniziato ad incanalarsi sulla corsia per smartphone nel caso stesse utilizzando il telefonino.

LO ZAMPINO DI NATIONAL GEOGRAPHIC - Una curiosa iniziativa del sindaco Vincent C. Gray? Tutt’altro. È una provocazione targata National Geographic, la celebre istituzione scientifica ed educativa non profit. Si tratta di un curioso esperimento sociale escogitato per la nuova serie televisiva intitolata Mind Over Masses, che riguarda la scienza comportamentale. Il canale televisivo di National Geographic ha ottenuto l’autorizzazione di installare sul marciapiede della 18th Street Nortwest la segnaletica orizzontale: per diverse ore sono stati monitorati i comportamenti degli individui di fronte a prescrizioni apparse da un momento all’altro, su un’abitudine diffusa come quella di camminare con la testa rivolta allo schermo del proprio cellulare. Per i risultati bisognerà attendere la messa in onda della trasmissione nel prossimo autunno.


Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews