Mannarino condannato per rissa del 2014: a lui 18 mesi di reclusione

Alessandro Mannarino è stato condannato a 18 mesi di reclusione per rissa e resistenza a pubblico ufficiale

Ostia – Si conclude oggi la disavventura legale del musicista Alessandro Mannarino, condannato a 18 mesi di reclusione con pena sospesa. Il cantautore fu arrestato il 18 giugno 2014, assieme ad altre due persone, per aver partecipato a una rissa in un locale di Ostia, l’Open Bar.

MANNARINO CONDANNATO PER RISSA - Una volta arrestato Mannarino pose resistenza anche contro le autorità. Fu quindi imputato ai tempi di rissa, lesioni personali e aggressione a pubblico ufficiale. Durante quella sera Mannarino si trovata in un locale con suo fratello e sua sorella per festeggiare  il compleanno della giovane.

I FATTI DEL 2014 - Secondo le testimonianze, un gruppo di ragazzi si sarebbe avvicinato alla sorella di Mannarino in maniera molesta – o comunque non gradita dal cantautore – per poi commentare con espressioni volgari sulla ragazza e da lì sarebbe partita la rissa fuori dal locale, che ha portato poi il musicista ad aggredire i poliziotti accorsi per calmare le acque.

LE CONDANNE DELLA SENTENZA – La sentenza, conclusasi oggi e diretta dal giudice Clementina Forleo, si è risolta con una condanna a un anno e sei mesi di reclusione. Il fratello di Alessandro Mannarino, Paolo, se l’è cavata con una multa di 300 euro, essendo stato assolto con la sola accusa di rissa. Uno degli antagonisti della lite è stato poi condannato a pagare una multa di 200 euro. L’aggravante per il cantautore è stata proprio la condanna per resistenza a pubblico ufficiale. Mannarino si è sempre dichiarato innocente durante il processo.

RISCHIA UNA BRUTTA NOMEA? - Nonostante durante la prima udienza il PM avesse richiesto l’assoluzione per il cantautore, il processo si è concluso in maniera del tutto sfavorevole per Mannarino. Un caso che rischia di scalfire la sua reputazione artistica, soprattutto considerando che Mannarino ha partecipato, dopo la rissa, a un concerto a Piazzale Clodio durante la Notte della legalità. Un paradosso che potrebbe non passare inosservato dinanzi agli occhi dei suoi numerosi fan.

Rachele Sorrentino

@rockeleisrock

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews