Maldive: i militari bloccano le elezioni presidenziali

Gli scontri nella Repubblica delle Maldive dello scorso febbraio

Gli scontri nella Repubblica delle Maldive dello scorso febbraio

Malé – Nuovo colpo di scena del già drammatico scenario istituzionale delle Maldive, il piccolo arcipelago dell’Oceano Indiano ben noto per i suoi grandi scenari naturali. La polizia – che aveva già guidato la destituzione del presidente Mohamed Nasheed nel colpo di Stato dello scorso febbraio – ha impedito in queste ore la distribuzione del materiale elettorale necessario per procedere alle elezioni presidenziali suppletive, convocate dopo che la Corte Suprema aveva annullato il voto del 7 settembre, giudicato irregolare.

La Commissione Elettorale delle Maldive ha fatto sapere che la polizia ha impedito la distribuzione dei documenti, e ha di fatto bloccato il voto, in quanto «si sarebbe tenuto in violazione del verdetto e delle regole stabilite dalla Corte Suprema», così come ha specificato il presidente di detta Commissione, Fuwad Thowfeek.

La situazione è divenuta improvvisamente caotica: si è venuto a sapere infatti che due dei tre candidati (parliamo di uno stato con una popolazione inferiore a 350.000 abitanti, minore di quella della sola città di Bologna) non avevano proceduto con gli adempimenti burocratici necessari per essere ammessi al voto passivo, ma che senza un nuovo pronunciamento della Corte, Thowfeek aveva autorizzato il voto, sebbene con una irregolarità di fondo, che avrebbe danneggiato in particolare gli elettori maldiviani che risiedono all’estero.

Il voto del 7 settembre scorso – nel quale Nasheed aveva ottenuto la maggioranza relativa dei voti con il 45% – è stato annullato dopo che il terzo classificato, Qasin Ibrahim (un imprenditore e dunque non un politico di professione) aveva denunciato l’inserimento di nomi falsi e di persone morte nelle liste elettorali, pur di essere sfavorito.

Un episodio piuttosto inverosimile, che fa tornare alla mente “Telespalla Bob Roberts”, un episodio della serie TV I Simpson nel quale il personaggio Telespalla Bob, candidato dal partito repubblicano, trionfa nelle elezioni comunali inserendo nelle liste elettorali persone e animali morti. Tra fantasia e realtà, il passo è piuttosto breve.

Stefano Maria Meconi

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews