Magistrato calabrese arrestato: accusato di corruzione

Giancarlo Giusti, gip presso il tribunale di Palmi (RC) precauzionalmente sospeso dal Csm, è stato arrestato per corruzione aggravata dalla finalità mafiosa, nell’ambito di un’inchiesta della Dda di Milano sul clan della ‘ndrangheta della famiglia Lampada.

Secondo l’accusa, il magistrato avrebbe ricevuto dal clan almeno 71 mila euro. Nel novembre scorso Giusti era inoltre finito del mirino dei magistrati di Milano per aver intrattenuto rapporti con alcune escort, in un hotel milanese in zona San Siro, pagate da Giulio Giuseppe Lampada, finito in carcere per associazione mafiosa ed altri reati.

Lampada secondo l’accusa avrebbe inoltre ha pagato una ventina di viaggi al giudice, viaggi durante i quali sono avvenuti gli incontri con le prostitute di lusso. In un’intercettazione tra Giulio Lampada e Giancarlo Giusti, contenuta nell’ordinanza firmata dal gip di Milano Giuseppe Gennari, il gip Giusti si vantava di “essere una tomba”, e che avrebbe dovuto fare “il mafioso, non il giudice”.

Quattro mesi fa, nella stessa inchiesta sui Lampada, il pool antimafia milanese aveva fatto arrestare anche il presidente della sezione Misure di prevenzione del tribunale di Reggio Calabria.

Francesco Guarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews