Londra 2012, il grande sogno azzurro alle Olimpiadi

Valentina Vezzali sarà la portabandiera in occasione della cerimonia di apertura

Roma – Ci siamo. Mancano sempre meno ore alla cerimonia di apertura delle prossime Olimpiadi che si terranno a Londra a partire dal prossimo 28 luglio. Alcuni tra i nostri portacolori già si trovano nella metropoli britannica, altri stanno giungendo in queste ore. Saranno 292 gli atleti italiani, 127 le donne e 165 gli uomini, che tenteranno di conquistare il gradino più alto del podio. Se Petrucci e gli altri dirigenti azzurri si aspettano come minimo 25 medaglie, le statistiche dicono che l’Italia potrebbe raggiungere perfino le 30 affermazioni suddivise tra le 28 diverse discipline.

Sogni di gloria – Se nel nuoto le speranze azzurre portano il nome di Fabio Scozzoli, campione europeo e vicecampione mondiale nei 50 metri rana, e Federica Pellegrini, regina incontrastata del nuoto e prima donna italiana ad aver vinto una medaglia d’oro nel nuoto ai Giochi Olimpici di Pechino 2008 nei 200 metri stile libero, non bisognerà sottovalutare i portacolori azzurri del pugilato maschile, di ciclismo femminile e di tiro a segno, Alex Schwarzer che prenderà parte nei 50 chilometri di marcia e Daniele Molmenti, argento mondiale di canoa a Bratislava in occasione dei Campionati Mondiali di slalom del 2011.

Valentina Vezzali, classe 1974, fiorettista italiana che è riuscita a vincere tre medaglie d’oro olimpiche in tre consecutive edizioni, difenderà a suon di affondi il titolo vinto a Pechino 2008 per 6-5 nella finale individuale contro la coreana Nam Hyun-Hee, trionfo che le permise di superare Giovanna Trillini nella classifica degli atleti italiani che hanno vinto più medaglie d’oro ai Giochi olimpici. L’attenzione sarà tutta puntata sulla coppia d’oro dei tuffi composta da Tania Cagnotto, figlia di Giorgio campione degli anni ’70, e da Francesca Dallapè che prenderanno il via insieme alla gara di sincronizzato dal trampolino dei 3 metri già il prossimo 29 luglio.
Se Carlotta Ferlito, divenuta famosa per aver partecipato al docu-reality di Mtv Ginnaste-vite parallele, e Vanessa Ferrari difenderanno i colori azzurri per quanto riguarda la ginnastica artistica, sembra impossibile non tenere sotto la lente d’ingrandimento anche Josefa Idem, canoista 47enne alla sua ottava olimpiade, che nel corso di tutta la sua carriera sportiva ha saputo trarre il meglio sia dallo stile tedesco, sua terra natale, che da quello italiano.

Italiani dall’estero – Saranno ben 25 gli atleti che, nonostante passaporto straniero, hanno deciso di prendere parte ai Giochi Olimpici per la nazionale azzurra. Se quasi tutti conosciamo la storia di Josefa Idem, classe 1964, originaria di Goch (Germania dell’Est) ma naturalizzata italiana quando ha sposato Guglielmo Guerrini, che prima di diventare marito della canoista ha svolto il ruolo di suo allenatore, meno noti al grande pubblico sono Josè Reynaldo Bencosme e Anikò Pelle.
Bencosme, domenicano classe 1992, è uno degli ultimi azzurri che ha strappato un biglietto di sola andata per le Olimpiadi. Josè Reynaldo, specialista dei 400 metri ostacoli, è già due volte campione italiano assoluto ed è riuscito a qualificarsi per Londra 2012 grazie all’ottimo tempo di 49.33 ottenuto agli Assoluti di Bressanone mentre la Pelle, pallanuotista di nazionalità ungherese, ha deciso, senza apparente motivo, di concorrere per il Bel Paese. L’onda azzurra sembra essere davvero pronta a invadere Londra tra certezze, speranze, sogni e paure.

Eleonora Ottonello

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews