Lo scaffale dimenticato – ‘Io sono leggenda’ di Richard Matheson

Richard Matheson è un nome che suonerà sconosciuto sia a molti lettori navigati che a diversi appassionati di cinema. Tuttavia dietro a queste denominazione si cela un prolifico scrittore di fantascienza e horror, nonché uno dei più originali sceneggiatori cinematografici e televisivi degli ultimi decenni. Un autentico innovatore del genere, osannato da penne autorevoli quali Ray Bradbury, nonché definito da un certo Stephen King come sua massima influenza e fonte di ispirazione letteraria.

Basta dare un’occhiata alla sua bibliografia (così come alla sua filmografia) per rendersi conto di quanto sia vasta la sua opera e di quanti capolavori possano essere ricondotti alla sua penna, come ad esempio, la sceneggiatura del celebre Duel di Steven Spielberg, alcuni degli episodi storici del seminale The Twilight Zone (tradotto in Italia con il titolo di Ai confini della realtà) o il romanzo Io sono leggenda, portato sugli schermi cinematografici più volte, tra le quali spicca per risonanza mediatica la (scadente) trasposizione del 2007 con protagonista Will Smith.

IO SONO LEGGENDA – Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 1954, Io sono leggenda, è breve romanzo di duecento pagine scarse che grondano però di originalità e coinvolgimento. Protagonista del romanzo è Robert Neville, unico essere umano sopravvissuto a una tremenda epidemia che ha trasformato l’umanità e tutte le creature viventi in vampiri. Barricato in casa durante la notte per difendersi dagli attacchi dei vampiri, Neville sopravvive procurandosi tutto quello che gli serve durante il giorno, girovagando per la città, ormai abbandonata. All’interno di questo scenario post apocalittico, Neville ingaggia una lotta infinita con i vampiri, da lui cacciati e uccisi durante il giorno, quando questi si trovano in un inoffensivo stato di semi torpore.

io sono leggenda richard matheson amazon it

Foto via: amazon.it

Durante la notte il protagonista si rinchiude nel laboratorio che ha costruito nella sua casa, nel tentativo di trovare una spiegazione scientifica alla diffusione del batterio che ha distrutto l’umanità. Ossessionato dai ricordi della moglie e della figlia, entrambe morte, e confortato dall’alcool, Neville prosegue la sua esistenza alternando fasi di esaltazione con giorni di depressione, fino all’incontro con Ruth, una donna come lui sopravvissuta al contagio: un incontro che porterà il protagonista a una inaspettata scoperta, traghettando il romanzo verso un finale inatteso e sorprendente.

DA RISCOPRIRE – Io sono leggenda è un romanzo unico, un pezzo pregiato da leggere, rileggere e conservare in bella vista sullo scaffale dei classici. Matheson dimostra un’abilità sconcertante nell’arte del creare uno scenario post apocalittico spettrale e inquietante, dove un’angoscia crescente viene trasmessa con maestria a un lettore che pagina dopo pagina viene risucchiato sempre più a fondo in un intreccio coinvolgente. Io sono leggenda risulta a tutti gli effetti un romanzo eccellente, sotto molti punti di vista: la scrittura in primis, scorrevole, chiara e precisa; il crescendo pagina dopo pagina che porta a un finale amaro e sconcertante; e infine l’originalità di un intreccio che ha influenzato decine e decine di storie chiaramente inspirate ad essa. Richard Matheson, scomparso nel 2013 all’età di 87 anni, è un autore da scoprire e riscoprire, padre putativo di intere generazioni di scrittori apparsi dopo di lui che alla sua originalità si sono ispirati e continuano inevitabilmente a ispirarsi.

Richard Matheson, Io sono leggenda, Roma, Fanucci, 2011, pp. 183, € 9,90.

Alberto Staiz

@AlStaiz

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews