Lo scaffale dimenticato – L’eclettica scrittura di Lester Bangs

Lester Bangs - en wikipedia org

Lester Bangs (en.wikipedia.org)

Lester Bangs è un nome che suonerà sconosciuto alla maggior parte degli appassionati di musica del giorni nostri. In Italia il suo nome e la sua scrittura sono stati riscoperti solo in tempi recenti dalla Minimum Fax, che ne ha pubblicato le opere più importanti, rivalutandone così il talento e l’importanza.

CHI E’ LESTER BANGS? – A questa domanda, che probabilmente molti lettori si staranno ponendo, si potrebbe rispondere che si tratta del più grande critico rock della storia del giornalismo musicale. Tutto vero, ma non solo. Bangs era un personaggio assolutamente fuori dagli schemi e dalle convenzioni, perennemente sopra le righe sia nella scrittura che nella vita privata, musicista mancato, figura di spicco nella cultura underground americana degli anni ’70, e scrittore genialmente originale.

Nato nel 1948 in California e morto nel 1982 per overdose di Valium, Lester Bangs è stato il critico rock più importante e irriverente degli anni ’70. La sua esperienza giornalistica si è concretizzata in numerose collaborazioni con alcuni dei più importanti magazine musicali dell’epoca, tra i quali i celebri Rolling Stone, Creem, Village Voice. Parallelamente Bangs ha collaborato con numerosissime realtà minori, aggiungendo all’attività giornalistica diverse esperienze come cantante in numerose band rock di secondo piano.

IL SUO LAVORO – Ma cosa ha reso importante il suo lavoro? La critica musicale di Lester Bangs è qualcosa di assolutamente innovativo e anticonformista, che anche ai giorni nostri non ha perso nulla della sua forza ribelle. La sua scrittura è basata sugli innovativi (per l’epoca) schemi sviluppati dal New Journalism e dal Gonzo Journalism, ed è influenzata dal carattere lisergico e anarchico derivante dalla lezione impartita dalla beat generation: il risultato si concretizza in articoli sorprendenti, spesso scritti di getto e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, nei quali Bangs non si limita alla critica musicale, ma offre un vero e proprio spaccato di società americana. Se un eccessivo uso delle digressioni (soprattutto nei più “drogati” articoli del primo periodo) rende talvolta complessa la lettura, la sua irriverenza e il suo anticonformismo rendono i suoi pezzi delle perle divertenti e sorprendenti: Bangs non si preoccupa di parlare male dei musicisti quando lo ritiene necessario, smontando pezzo per pezzo il mito della rock star e proponendo le suddette in tutti i loro difetti e dettagli più bizzarri.

copertina lester bangs - deastore com

La copertina di ‘Guida ragionevole al frastuono più atroce’

GUIDA RAGIONEVOLE AL FRASTUONO PIU’ ATROCE – Con Guida ragionevole al frastuono più atroce ci troviamo di fronte a una raccolta perfetta per comprendere il modus operandi di questo grande giornalista del passato: esilaranti racconti personali dove Bangs distrugge la mentalità dell’americano medio si alternano a violenti attacchi a diverse rock star secondo lui sopravvalutate. Si prosegue con diversi spunti su Lou Reed, per il quale Bangs nutriva un incredibile rapporto di amore-odio e una venerazione da un punto di vista musicale. Spicca tra tutti gli estratti proposti un lungo reportage in cui Bangs si trova al seguito dei Clash per alcune date del loro tour inglese del 1977: per loro sono riservate le sue lodi, sia dal punto di vista umano che musicale.

Ma in questa corposa raccolta della migliore produzione di Lester Bangs si possono trovare gli artisti più importanti degli anni ’70: dai già citati Lou Reed e Clash, passando per Guess Who, Jethro Tull, Slade, Barry White, David Bowie, Iggy Pop e tanti altri. Uno spaccato di musica e cultura degli anni ’70 racchiuso in 500 pagine di delirante e originale giornalismo americano. Lester Bangs è un personaggio che dal basso della sua schiettezza e spontaneità ha reinventato la professione del critico rock, utilizzando un linguaggio sincero e diretto, libero da eccessivi e spesso inutili formalismi, ma di valore indiscusso e capace di entrare dritto nel cuore e nella testa del lettore.

Lester Bangs, Guida ragionevole al frastuono più atroce, Minimum Fax, 2012, pp. 490, € 10,00.

Alberto Staiz

@AlStaiz

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews