LIVE Isis: prese in ostaggio 20 persone in un bar a Sydney

15:50 – Identificato il sequestratore del bar di Sydney: è Man Maron Monis, 50enne con origini iraniane che tiene in ostaggio circa 50 persone nella cioccolateria della città australiana. L’uomo è noto alle autorità per aver composto, in passato, lettere di minaccia rivolte alle famiglie dei combattenti australiani rimasti uccisi nella guerra in Afghanistan.

09:13 – Il sequestratore avrebbe detto di avere quattro bombe. Due dentro il bar e due nel distretto finanziario.

09:05 - L’attentatore avrebbe richiesto una bandiera dell’Isis e di poter parlare con Tony Abbott, Primo Ministro australiano. Secondo il dailymail i sequestrati sarebbero quindici.

07:36 - Stando alle nuove notizie che giungono dall’Australia, ad aver preso gli ostaggi sarebbe un solo uomo armato. Il numero preciso degli ostaggi non è ancora certo. Cinque di essi (due donne e tre uomini), però, sono stati liberati o sono comunque riusciti a scappare. Non è chiaro, infatti, se sia stato il terrorista a lasciarli andare o siano riusciti ad andarsene di propria iniziativa.

Per la prima volta, l’Isis si muove fuori dal Medio Oriente. Almeno, così sembra dalle prime notizie che arrivano da un luogo che nessuno avrebbe mai associato al terrorismo islamico: l’Australia.

terroristi isisOSTAGGI IN AUSTRALIA - I terroristi hanno preso in ostaggio venti persone durante un assedio armato in un bar di Sydney, dove è stata issata una bandiera nera con scritte bianche, proprio come quella dell’Isis. Alcuni testimoni hanno riferito di aver visto il personale e i clienti singhiozzando mentre erano costretti a stare in piedi con le mani premute contro le finestre del bar. Almeno due uomini armati sono coinvolti nell’assedio, ma decine di poliziotti armati hanno chiuso le strade che circondano la zona. Le forze dell’ordine credono che uno dei terroristi sia in possesso di un fucile da caccia e forse anche di un ordigno esplosivo. L’allarme è stato dato circa alle 9:45 australiane.

BANDIERA - Secondo le prime ricostruzioni, la bandiera alzata all’interno del bar in cui sono tenuti gli ostaggi sarebbe la bandiera Shahada, la quale viene utilizzata dal gruppo Jabhat al Nusra. Cioè un movimento composto da rivoltosi armati affiliato ad Al-Qaida presente in Libano e in Siria. Il gruppo si è formato nel 2012, anno durante il quale era in corso la guerra civile in Siria. Gli Stati Uniti d’America hanno definito Jabhat al Nusra un gruppo terrorista proprio alla fine del 2012.

PRECEDENTE - Nel settembre scorso un uomo di ventidue anni era stato arrestato proprio in Australia con l’accusa di terrorismo. L’uomo stava progettando una decapitazione pubblica in Martin Place, una piazza nel quartiere centrale degli affari di Sydney, conosciuto come il “cuore civico” della città. L’intero incidente sarebbe stato girato, qualora fosse avvenuta, e utilizzato come propaganda per la causa Isis.

Come se non bastasse, a questa difficilissima e delicatissima situazione si è aggiunto un problema alla Sydney Opera House la quale è stata evacuata dopo le notizie di un dispositivo sospetto.

Seguono aggiornamenti

 

 

 

 

 

 

Giacomo Cangi

@GiacomoCangi

foto: @Redemptorists

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews