L’Irpinia del Kung fu festeggia le due medaglie d’argento in Cina

Non chiamateli sport minori: domenica al Circolo della Stampa Avellino festeggia le due medaglie d'argento di Agatiello e Pilunni, al primo torneo mondiale di kung fu stile hung gar

kung-fu-irpinia-hung-gar-iannaccone-cina

Il team del maestro Iannaccone al torneo mondiale in Cina

Contava oltre 300 atleti provenienti da tutto il mondo l’International Hung Kuen Competition 2014 che si è svolto lo scorso Novembre a Foshang, in Cina: il primo torneo mondiale dello stile hung gar del Kung fu, organizzato dal governo cinese in associazione con la World Hung Kuen Association. Due atleti irpini, Andrea Agatiello di 20 anni e il 18enne Adolfo Pilunni, guidati dal loro Maestro, il Sifu Massimo Iannaccone, sono tornati a casa con la medaglia d’argento, vinta nelle rispettive categorie.

Per celebrare questo importante risultato, ma anche per presentare alla città i prossimi progetti, il gruppo di kung fu irpino del Sifu Iannaccone, la Lam Chun Fai Association, aspetta appassionati e curiosi Domenica 11 Gennaio, a partire dalle ore 20.00, al Circolo della Stampa di Avellino. Verranno mostrate le performance che hanno portato gli atleti irpini sul podio, uno spezzone del documentario girato dalla rete nazionale cinese sulla competizione, che vanta i contributi del Maestro Iannaccone, verrà spiegato cos’è la disciplina del kung fu e il suo essere adattabile a tutte le età, e non mancheranno esibizioni dal vivo. Verrà inoltre illustrato il progetto che la Lam Chun Fai Association  ha preparato per portare, a titolo gratuito, il kung fu nelle scuole.

«Sono soddisfatto per i risultati ottenuti dai miei ragazzi, i quali hanno lavorato con costanza e determinazione, affrontato la competizione con la giusta concentrazione e spirito, dimostrando una grande umiltà e voglia di crescere», sono le parole del Sifu Iannaccone. «Sono sicuro che tra 2 anni alla seconda edizione del campionato del Mondo che si terrà ad Hong Kong gli stessi Andrea ed Adolfo ci daranno ancora soddisfazioni, e che altri ragazzi avellinesi potranno confrontarsi ed ottenere ottimi risultati. La città, però, deve supportarci. Dimostrare di aver capito il valore sia di questi ragazzi – che compiono sacrifici personali e finanziari notevoli per prendere parte a queste competizioni – che delle iniziative che vogliamo continuare a realizzare a casa nostra, e che non hanno altro intento che divulgare la conoscenza del kung fu facendo prevalere la tradizione al business». 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews