Libraccio Outlet: dove il libro raro o introvabile si tinge di verde

Libreria Libraccio a Parma

Libreria Libraccio a Parma

Non sono tempi facili neanche per l’editoria, questi. Eppure, esiste un settore che riesce a tenere botta alla crisi, anzi cresce e si rafforza, è quello del libro usato. Ne sanno qualcosa al Libraccio, la storica catena libraria nata circa trent’anni fa, partita con la compravendita di libri scolastici, per poi allargare man mano il proprio raggio di azione fino a trattare libri di ogni tipo, usati, soprattutto.
Lo scorso luglio ha aperto a Parma il ventinovesimo punto vendita della catena, nella sua veste Outlet. Un outlet del libro che si propone come “la prima libreria a basso impatto” e che piace alla gente. Lo dicono gli incassi e gli ingressi giornalieri.

Il successo del libro usato non si spiega soltanto con l’esigenza di contenere le spese in tempi di recessione, come spiega Luca Cirmi, direttore dei punti vendita Outlet di Bologna e Parma: «Sta maturando nelle persone la consapevolezza che il riuso è una risposta al consumismo esasperato, all’esigenza di un approccio più sostenibile all’ambiente. C’è il desiderio di riconoscere il valore delle cose e anche dei libri, di offrirgli la possibilità di una seconda vita attraverso il riutilizzo. Piace l’idea di rimettere in circolazione i libri, che passano così da una mano all’altra, da una casa all’altra».

Nelle librerie Libraccio puoi trovare di tutto: dal fumetto a 2 euro alle cinquecentine da 900 euro, dal saggio al libro di narrativa. E poi CD, DVD, dischi in vinile e libri di modernariato. C’è il libro usato ma anche i remainders, cioè i libri nuovi provenienti dalle eccedenze di magazzino rimessi in vendita a metà prezzo. A questi si affiancano anche volumi nuovi, venduti a prezzo pieno. L’outlet del libro è il luogo preferito di chi è alla ricerca del testo raro, introvabile, ormai fuori moda.

È proprio l’ampio ventaglio di offerte il punto di forza di Libraccio, che non rischia di sovrapporsi alle grandi librerie. «Prendiamo ad esempio Libraccio outlet di Bologna – spiega il direttore –  è in pieno centro. Non è lontano dalla Feltrinelli, eppure le due librerie non sono in conflitto, anzi, si completano. Noi intercettiamo esigenze diverse della clientela».

Luca Cirmi

Luca Cirmi

Le ragioni del successo del Gruppo affondano anche nella competenza e professionalità dei librai che animano i diversi punti vendita, «un gruppo di persone – continua Cirmi – mosse da una passione enorme per questo lavoro, con un’esperienza solida e variegata. Le librerie che organizziamo sono proprio quelle dove ci piacerebbe passare il tempo e leggere». I professionisti di Libraccio sono in grado di gestire con eguale cura il duplice flusso di clienti, quelli che vengono a comprare e quelli che invece i libri li vogliono vendere. Ed è ricca e variegata la clientela rappresentata da coloro che vendono: «c’è chi magari eredita librerie che non riesce ad accogliere nella propria casa e ce le propone – prosegue Cirmi – oppure c’è chi ha cambiato interessi e intende fare una scrematura della propria biblioteca. Viene da noi anche chi vuole eliminare quei libri che non ha mai letto e sceglie di investire il ricavo in letture più appaganti». E così il ciclo virtuoso ricomincia, i libri tornano in circolazione, passando da una mano all’altra, da una casa all’altra.

Libraccio ha le spalle larghe e ha in progetto di aprire altri outlet del libro. A Vicenza prossimamente aprirà un nuovo punto vendita frutto della partnership tra questa catena e il Gruppo Galla. A dimostrazione del fatto che per quanto duri siano i tempi attuali, è possibile restituire centralità alla cultura e che investire nei libri, anche in quelli usati, paga. In termini economici, certo, ma anche sociali, stimolando lo sviluppo di una coscienza civica e di un paese più ricco.

Valeria Nervegna

Foto: parmatoday.it –  cultura.blogosfere.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Libraccio Outlet: dove il libro raro o introvabile si tinge di verde

  1. avatar
    Outlet 04/11/2013 a 21:32

    In Italia esistono tantissime librerie più o meno grandi che propongono libri usati o semplicemente “antichi” a prezzo scontato. sarà capitato anche a voi, ad esempio, di vedere delle bancarelle nelle sagre che propongono questa tipologia di libri. Possono essere considerati outlet? Beh a tutti gli effetti si…

    Attenti quindi a quello che cercate… il prezzo è sicuramente basso ma spesso i libri sono veramente molto molto vecchi.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews