Libia: in Tripolitania è pulizia etnica. Gheddafi, «vinceremo questa battaglia»

Tripoli – Nonostante il cessate il fuoco proclamato ieri dal governo di Tripoli, una pioggia di bombe e proiettili si è abbattuta su Misurata, ormai ridotta a città fantasma senza acqua, carburante e luce elettrica, dove trecentomila persone continuano a resistere.

E intanto, è emergenza umanitaria: gli ospedali sono allo stremo e il personale medico non riesce con facilità a recarsi al lavoro per via dei cecchini pronti a sparare su chiunque si muova.

Le truppe fedeli a Gheddafi hanno anche attaccato Zintan, una città vicina al confine tunisino: l’obiettivo ormai è evidente, fare una pulizia etnica dei ribelli.

Continua intanto il braccio di ferro tra Francia e Italia su chi debba comandare le operazioni, e Berlusconi non cede: senza il “cappello Nato” l nostro Paese chiuderà le sue basi agli Alleati.

Non ha paura Gheddafi, che ieri sera, nella sua residenza-bunker di Bab el-Aziziya, a Tripoli, ha tuonato: «Vinceremo questa battaglia».

di Redazione

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews