Come l’estetica influenza i nostri acquisti: il packaging

La psicologia delle forme e dei colori al servizio del marketing per aumentare le vendite

packaging

Quante volte vi è capitato di andare a fare la spesa con la vostra lista dettagliata e una volta tornati a casa vi rendete conto che avete comprato tutto fuorché quello che c’era nella lista?

Quelle che guidano i nostri impulsi sono le logiche della pubblicità e ancor di più i processi psicologici legati al packaging. I processi che ci conducono all’acquisto, secondo la piramide di Maslow, sono suddivisi in 5 fasi: la percezione del bisogno; la ricerca d’informazioni; la valutazione delle alternative; la decisione d’acquisto e il comportamento del dopo-acquisto. Il modello presuppone che i consumatori passino attraverso le cinque fasi del processo per ogni acquisto effettuato.

All’interno di questo processo un ruolo fondamentale è giocato dall’aspetto estetico: impatto visivo, i colori, l’efficacia della grafica e gli slogan contenuti dalle confezioni. Tra i prodotti Low Cost delle GDO e un prodotto di marca di solito i consumatori scelgono il secondo, non solo per la qualità delle materie prime, ma anche per l’aspetto cromatico. Ogni colore è in grado di suscitare nel consumatore emozioni e sensazioni positive tali da influenzare la cifra che il consumatore è disposto a spendere per l’acquisto di un prodotto. Se poi quel prodotto rispecchia le aspettative di qualità promesse, allora il brand riuscirà a fidelizzare il cliente che continuerà a comprare lo stesso prodotto.

packaging2

Il packaging è ormai una delle più importanti leve del Marketing, ma in realtà è nato come semplice imballaggio per la conservazione degli alimenti e come tale deve rispettare una serie di regole: proteggere la merce, evitare possibili furti, rispettare un equilibrio tra le sue prestazioni e il suo costo, sia dal punto di vista del materiale impiegato, sia del tempo impiegato per realizzare l’operazione d’imballaggio. Dal punto di vista ecologico è importante che vengano utilizzati dei materiali facilmente riciclabili per rispettare l’ambiente.

Esisto 3 tipologie d’imballaggi: imballaggio primario il rivestimento che confeziona il singolo prodotto pronto al consumo; imballaggio secondario che raggruppa diverse unità di vendita e infine l’imballaggio terziario relativo prettamente al trasporto.

In Italia vi sono differenti aziende che si occupano a differenti livelli delle 3 tipologie d’imballaggi, ne è un esempio il produttore d’incarti per alimenti CelVil, che dal 1958 si occupa della fabbricazione di buste e sacchetti, film e imballi in plastica, biodegradabili, stampanti ecc… cercando di andare incontro alle esigenze del cliente senza tralasciare l’impatto ambientale.

packaging3

Un altro importante punto da non sottovalutare è sicuramente l’importanza dell’etichetta Alimentare che ha il compito di informare il consumatore sulle reali caratteristiche del prodotto, al fine di poter orientare la scelta commerciale. Nel mercato globalizzato del 2017 è essenziale sapere da dove provengono e cosa contengono gli alimenti che ingeriamo. Le reali caratteristiche che deve avere un’etichetta sono: chiarezza, leggibilità, ossia tipografia e dimensioni e facilità di lettura, una grafica non troppo complessa, e infine deve essere indelebile, non si deve in alcun modo cancellare.

Il produttore è tenuto a citare nell’etichetta alimentare le seguenti specifiche: la marca, la denominazione, peso, la quantità netta.

Non comprate un prodotto solo perché è esteticamente buono o perché conoscete la marca e vi fidate, leggete anche cosa c’è dentro.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews