Le mostre e gli eventi a Parigi nel mese di agosto

Untitled, 1982, BvB collection Genève, © Keith Haring Foundation (mam.paris.fr)

Parigi – Le romantiche passeggiate lungo la Senna, i portali gotici di Notre Dame, i dipinti del Louvre e del Musée D’Orsay, le immagini del passato che affollano i cafè parigini, l’aria bohemienne che si respira nei quartieri di Montmartre e Montparnasse, il romanticismo del panorama dal Sacré Coeur, o dalla Tour Eiffel…la città dell’amore per antonomasia non vi deluderà mai con le sue meraviglie. Il clima estivo favorisce inoltre un incremento di proposte per i turisti che immancabilmente visitano la città e anche per i residenti: una miriade le mostre e gli eventi a Parigi nel mese di agosto. Come già abbiamo fatto per Londra, proponiamo qui la nostra selezione.

Abbiamo già accennato, qualche mese fa, della mostra al Musée d’Art moderne de la Ville de Paris, che fino al 18 agosto espone oltre 250 lavori di una delle icone della pop-art, Keith Haring, enfatizzando la relazione tra la sua opera e il messaggio politico (11 avenue du Président Wilson 75016 Paris, orari dal martedì alla domenica 10-18, notturno il giovedì fino alle 22, biglietto intero : 11€).

Cavalcando l’onda della pop art non possiamo che menzionare la mostra Roy Lichtenstein al Centre Pompidou di Parigi, per l’appunto sull’artista da molti conosciuto come colui che, dal 1962 in poi, ingrandisce figure tratte dai fumetti e da oggetti di consumo commerciale. In realtà qui al Centre Pompidou, fino al 4 novembre 2013, sarà possibile ammirare le opere di Lichtenstein che parlano della storia della pittura: dalla ripresa di quadri ispirati a Cézanne, Picasso, Mondrian, incomprese e persino accusate di plagio da alcuni critici americani (19 rue de Vaugirard 75006 Paris, Orari: tutti i giorni tranne il martedì dalle 11 alle 21, fino alle 23.00 il giovedì, biglietto intero: 11-13 €).

Per una sorta di orgoglio nazionale, e per la sua fama internazionale, non possiamo che ricordare la presenza di Michelangelo Pistoletto, rappresentante di spicco dell’Arte Povera, niente poco di meno che in tre delle sezioni del museo del Louvre. L’artista, fino al 2 settembre, pone a dialogo le sue opere con i capolavori e temi situati nelle sale della scultura greco-romana, in quelle delle collezioni italiane e nella parte dedicata al Medio Evo, attualizzando il patrimonio del museo. Ad accompagnare la mostra Anno 1, il Paradiso in terra, inoltre, una serie di conferenze e performance (Musée du Louvre,75001 Paris, Orari dalle 9 alle18 tranne il martedì, notturni fino alle 21.45 il mercoledì e il venerdì, biglietto del museo: 11 €).

Fino all’8 settembre poi, alla Pinacothèque de Paris saranno esposte le opere della pittrice polacca Tamara de Lempicka: esiliatasi da Parigi all’età di 20 anni, espresse senza remore i valori in cui credeva: libertà di pensiero, gusto per le mondanità ed esaltata femminilità. Producendo le sue le sue opere più belle, intrise di moda e femminilità, tra il 1925 e il 1935 (Pinacothèque 2 : 8, rue Vignon, Paris , Orari : 10:30 – 21 ogni mercoledì e venerdì €12).

La sciarpa blu, Tamara de Lempicka, coll.priv. (exponaute.com)

Lasciatevi ingannare poi, fino al 15 novembre, dalle illusioni e disillusioni della mostra evento Trompe-l’oeil al Museo delle Arti Decorative di Parigi, che regala allo spettatore la possibilità di ammirare opere di Claude e François Chavent, vasi di Philippe-Joseph Brocard, oltre a 400 oggetti mai o quasi mai esposti, che raccontano le tecniche di quest’arte svelandone tutta la magia (107 rue de Rivoli 75001 Paris, dal martedì alla domenica, €9,50).

Un salto poi nell’arte contemporanea al museo della Halle Saint Pierre, che si associa la seconda volta alla rivista Hey! per presentare una mostra sulla cultura pop e sulla creatività multiforme HEY! modern art & pop culture / Part II. Oltre sessanta gli artisti provenienti da tutto il mondo: da Joe Coleman, Louis Pons, Mati Klarwein, Heather Nevay, Kate Clark, Mu Pan, Amanda Smith, Handiedan e Masami Teraoka, oltre ad altri spesso relegati al margine del sistema, col fine di dar voce a tutta l’arte urbana. Proprio per questo motivo, la manifestazione è accompagnata da eventi e serate, fino al 23 agosto (2, rue Ronsard – 75018 Paris, Orari: tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00; sabato 10.00-19.00; domenica 11.00-18.00, biglietto intero 8€).

Altro orgoglio nazionale, ma ormai di fama internazionale (abbiamo visto ci sono attualmente opere anche alla Whitechapel di Londra, v. link sopra con eventi a Londra) è Giuseppe Penone, che espone alla reggia di Versailles fino al 30 ottobre. Rendendo omaggio ai giardini progettati da André Le Nôtre (di cui quest’anno si celebrano i 400 anni dalla nascita) per Luigi XIV, l’artista ha disposto 25 sculture lungo l’Allée royale, che conduce dal castello al Grand Canal, e nel Bosquet de l’Étoile. Alberi in bronzo alti venti metri, simbolo del ricongiungimento tra terra e cielo, e tronchi in marmo, sono disseminati e si confondono con la vegetazione in loco (Reggia di Versailles – ingresso dal cortile d’onore: place d’Armes, 78000 Versailles).
Inoltre a Versailles, ogni sabato e domenica fino al 27 ottobre, ci si imbatte nelle Grands Eaux (fontane musicali): le fontane zampillanti nei giardini della Reggia vi delizieranno con un sottofondo musicale barocco (orario rappresentazione: dalle 11h alle 12h e dalle 15h30 alle 17h30); e inoltre nei Jardins musicaux (Giardini musicali). Il prezzo del biglietto varia a seconda delle molteplici combinazioni che si possono stabilire per visitare a Versailles.

Paris plages, fino al 18 agosto (friendlyrentals.com)

Nella città così ricca di proposte culturali non mancano gli svaghi: non dimentichiamo infatti Paris Plages: fino al 18 agosto è possibile fare vita da spiaggia nel cuore della capitale francese, grazie alla spiaggia di sabbia realizzata appositamente lungo la riva destra della Senna. Siamo all’unidicesima edizione di questa manifestazione che permette di godere di 800 metri di spiaggia, con giochi, sport e concerti sulla rive droite, dal Pont Neuf (1arr) alla piazza dell’Hôtel de Ville Sully.

Ma non solo: al Parc de la Villette è anche predisposta, fino al 28 agosto, la 23esima edizione del cinema all’aperto, il cui tema di quest’anno, nella scelta dei film in cartellone, è Tutti in scena! Il programma è visionabile qui.

Abbiamo parlato di arte, di cinema, di relax in spiaggia: ora è il momento della musica, con due appuntamenti importanti. Il primo è il Paris Jazz Festival, alla sua 19esima edizione (23 – 28 agosto) , che ci delizierà, nella cornice del Parco Floreale, non solo con musica jazz, come suggerirebbe il titolo, ma anche con musica classica, accogliendo sul palco l’Orchestra nazionale da camera dell’Armenia, Roberto Fonseca, Trombone Shorty, Hugh Masekela o ancora il Manu Katché Quartet (Parc floral de Paris : Route du Champ-de-Manœuvres, Paris).

Di tutt’altro genere, per chi ha un’animo rock, dal 23 al 25 agosto va in scena (ormai da dieci anni) Rock en Seine, uno dei più prestigiosi festival rock della Francia. E’ vero, non siamo propriamente a Parigi ma l’evento merita una segnalazione: nel sito del parco nazionale immerso nel verde di Saint-Cloud, quattro palcoscenici ospiteranno per tre giorni artisti contemporanei: dalle percussioni elettriche di Hanni El Khatib al pop-elettronico dei Francesi di Phoenix, dagli Eels e dal suo prolifico leader Mark Oliver Everett agli Scozzesi pieni di entusiasmo di Franz Ferdinand (Domaine national de Saint-Cloud, métro Pont-de-Saint-Cloud).

Benedetta Rutigliano
@bettyrutigliano

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews