“Le ho uccise”. La terribile rivelazione del giallo di Cerignola

Alessia e Livia, le due bimbe scomparse

Alessia e Livia, le due bimbe scomparse

“Le ho uccise. Le bambine riposano in pace, non hanno sofferto. Non le rivedrai più”: una terrificante confessione in due lettere spedite alla moglie. Mathias Schepp, l’uomo morto suicida la scorsa settimana nella stazione di Cerignola, ha rivelato con le missive una terribile verità che da giorni sta ingarbugliando una rebus sempre più complesso e del quale gli inquirenti risultano sempre più confusi. La ricerca delle gemelline Alessia e Livia partite con il padre (il 31 gennaio scorso il genitore aveva acquistato tre biglietti per il traghetto Marsiglia- Propiano, in un secondo momento ne aveva poi comprato uno solo per arrivare a Tolone) continua senza sosta.

Nel frattempo il corpo del signor Schepp è stato sottoposto all’autopsia e il contenuto delle lettere è stato reso noto alla moglie solo in queste ultime ore. Spedite da due località diverse, Tolone e Cerignola, attestano un dramma che nessuno vorrebbe sentire. La salma del papà delle due bambine scomparse è ora in attesa di essere trasferita in Svizzera, in attesa di qualche parente che sia disposto ad accoglierla.

Redazione

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews