Le donne sono biologicamente predisposte allo stress

 Il lavoro, i figli, le faccende domestiche. Sono solo alcune delle principali attività a cui le donne si dedicano quotidianamente. Eppure non risultano essere questi i fattori determinanti dello stress che colpisce gran parte della popolazione femminile.

Le donne sono più inclini a soffrire di stress, stress post traumatico, ansia e depressione rispetto agli uomini, per cause biologiche. Secondo alcuni studiosi il cervello delle donne sarebbe più sensibile a un ormone, il CRF che deriva dall’inglese Corticotropin-Realising Factor ovvero il fattore di rilascio della corticotropina. Questo ormone viene rilasciato dal nostro corpo nei momenti di ansia e viene poi coinvolto nel processo di gestione dello stress.

Gli studiosi, che hanno pubblicato i risultati delle proprie ricerche sulla rivista online Molecular Psychiatry, hanno analizzato gli effetti dello stress su alcune cavie, facendo una distinzione tra topi maschi e femmine. È stato appurato come le cavie di genere femminile, siano più sensibili alla presenza dell’ormone e se a livelli troppo alti, non siano in grado di controllarne la gestione. Rita Valentino, neuroscienziato del Children’s Hospital of Philadelphia spiega come “Sebbene ulteriori ricerche sono certamente necessarie per determinare se questo stesso meccanismo valga anche per gli uomini, questo studio può aiutare a spiegare perché le donne sono due volte più vulnerabili degli uomini ai disturbi legati allo stress”.

In passato infatti, le ricerche inerenti alle cause e agli sviluppi dello stress sono sempre state condotte su animali, in particolare roditori, ma sempre di sesso maschile. È perciò probabile che molte differenze sessuali siano passate inosservate. È necessario infatti fare i conti con queste differenze di genere, novità che deve dare un nuovo spunto anche per alcune cure, quali per esempio quelle per la depressione.. Non è perciò da escludere che in futuro queste interessanti scoperte dal punto di vista della ricerca possano rivelarsi utili anche per nuovi studi.

Sara Mariani

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews