Lavorò 8 mesi in Olanda, lo rintracciano e gli inviano la pensione

Il signor Coco rintracciato dall'Olanda per il versamento della pensione

Il signor Coco rintracciato dall’Olanda per il versamento della pensione

Cagliari - È una bella storia, inaspettata e dal tono quasi favolistico quella che ha coinvolto il signor Carlo Coco, sessantacinquenne sardo, abitante nella bella cittadina di Quartu Sant’Elena.

UNA LETTERA INASPETTATA DALL’OLANDA - In una mattinata qualsiasi, una di quelle che sembrano uguali alle altre, al signor Coco viene recapitata una lettera da Rotterdam, la quale suscita, nell’immediato, una sorta di stupore ed incredulità nell’uomo, che immediatamente pensa si tratti di uno scherzo. In realtà la busta contiene una lettera più che mai reale, che recita così: «Egregio signor Carlo Coco, le comunichiamo che avendo lei compiuto i 65 anni di età ha diritto a ricevere il trattamento pensionistico relativo al periodo di lavoro prestato nei Paesi Bassi nel 1971»; parole seguite dal conteggio della pensione, 48 euro ogni mese, e le condizioni per poter incassare l’assegno.

BUROCRAZIE EUROPEE A CONFRONTO - «Ti sembra possibile che dopo quarantadue anni si siano ricordati di me? Hanno trovato anche il mio indirizzo di Quartu Sant’Elena» chiede Coco alla moglie, olandese, incontrata proprio per periodo di soggiorno lavorativo nei Paesi Bassi che, con estrema calma e conscia del funzionamento burocratico del suo paese risponde «Normale, certo».
Indubbiamente per la donna questo avvenimento è normale e, probabilmente, routine quotidiana nel suo paese e nel nord Europa, dove la fruizione dei servizi a seguito del pagamento delle tasse è corrisposta con maniacale, e assolutamente giusta, precisione; in Italia, invece, le cose non sono così semplici e l’organizzazione spesso lascia a desiderare, quindi risulta comprensibile lo stupore e l’incredulità del protagonista di questa storia.
A conferma immediata di questa affermazione si presta il seguito della vicenda, legata al mal funzionamento della burocrazia italiana; l’incasso dell’assegno da parte del signor Coco è legato alla compilazione di un modulo da parte dell’Inps, da rispedire poi alla sede di Rotterdam, mittente della lettera. Quel che sembra semplice e lineare, molto spesso nella penisola italica non lo è e, dopo due anni, il pensionato non riceve alcuna notizia del suo assegno; decide così di vederci chiaro e compone il numero informativo indicato sulla lettera, ricevuta due anni prima. chiama l’ufficio olandese e spiega la questione e constata, con imbarazzo per il suo paese e con alcuna sorpresa, che l’Inps non aveva inviato il modulo necessario all’adempimento.

Burocrazie europee a confronto

Burocrazie europee a confronto

DIMENTICATO DAL SUO STESSO PAESE - Combattivo ed intenzionato a venirne a capo, il signor Coco si reca agli uffici dell’Inps, desideroso di capire come sia possibile essere rintracciato dall’Olanda per pochi mesi di servizio e poi dimenticato dagli uffici del suo stesso paese; una volta giunto di fronte ad un funzionare dell’Inps, che attesta la dimenticanza, l’uomo riesce ad ottenere giustizia ed il documento viene finalmente inviato. Poco tempo dopo da Rotterdam arriva l’assegno da 48 euro più gli arretrati dei sue anni precedenti, perduti per colpa della cattiva gestione e del mal funzionamento dell’ufficio italiano. La storia, che dopo anni di attesa ha avuto un risvolto positivo, sembra concludersi ancor meglio quando Carlo Coco riceve un’ulteriore lettera: «Egregio signor Coco, in base al provvedimento emanato dal nostro governo lei ha diritto a una rivalutazione del suo trattamento previdenziale pari al trenta per cento».

Alessia Telesca

foto: newslavoro.com; image.nanopress.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews