L’alluvione in Veneto non risparmia nemmeno gli animali

L’alluvione del Veneto, che ha causato gravi danni all’economia della regione e di un Paese già fragile, non ha risparmiato nemmeno gli animali che ora si trovano senza casa, stremati dalla fame e ammalati.

C’è già chi si sta muovendo in loro soccorso.

Mara Canzian, delegata OIPA della sezione Treviso e provincia, riporta in questi termini la situazione che hanno trovato i volontari corsi in aiuto degli animali nelle provincie di Padova e Vicenza: “Domenica 14 novembre siamo stati nei luoghi del disastro ed abbiamo portato i primi aiuti a molti cani e gatti che da giorni vagavano affamati e sfiniti per le città. Siamo partiti con 4 auto piene di cibo e ci siamo recati nelle principali zone colpite, dove nessuno era ancora intervenuto. Purtroppo moltissimi animali sono morti, le colonie che non erano vicino a strutture nelle quali trovare un riparo rialzato sono sparite, i cani per lo più sono stati raccolti dalla Ussl, ora il problema maggiore è fare una lista di tutte quelle persone che magari già prima di questa catastrofe erano in difficoltà, come gli anziani”. […]

Ecco la toccante testimonianza di Giorgio Mattoschi, un alluvionato, estrapolata dal sito dell’Oipa.

“Mi sento un fantasma mentre guardo con rabbia e paura le acque del Fiume Tesina invadere ancora una volta i campi di Trambacche. Il livello del Bacchiglione è altissimo, spaventoso.
Questa terra, questa casa, rappresentano il sogno di tutta la mia vita, realizzato con mutuo e grandi sacrifici. 
L’alluvione del 1 novembre ha portato via le mie 9 caprette, le mie due asinelle, il pony e quasi tutte le galline che si erano rifugiate sugli alberi. Amici, fratelli, non semplici animali. Ho cercato di salvare i miei animali e ho rischiato di annegare. Era terribile sentire le caprette piangere come bambini mentre le acque vorticose e scure del Bacchiglione se le portava via. In 15 minuti le acque del Bacchiglione sono esondate e hanno coperto tutto sotto 1.70 cm di acqua.
Non è stato il fiume a uccidere i miei sogni, non è stata la calamità naturale o il fato, ma l’incuria e l’arroganza degli speculatori e dei politici ciechi che preferiscono guadagni immediati al rispetto e al benessere del territorio e dei cittadini. [...]”

L’OIPA sta organizzando degli aiuti (cibo umido e secco per cani e gatti, ciotole, trasportini, lettiere, cucce, coperte) per far fronte all’emergenza.

L’Associazione stessa si farà carico della consegna in loco di quanto raccolto e documenterà il tutto con un reportage sulla pagina di facebook Oipa Treviso.

Per donare direttamente cibo e medicinali, o per accogliere temporaneamente un amico a quattro zampe chiamare il 340.3951855 
o il 339.7760836 (feriali dopo le 19,00 o sms, 
nel week tutto il gg) oppure treviso@oipaitalia.com, vice-treviso@oipaitalia.com.

Per ulteriori informazioni chiamare Paolo al 3356582629 oppure scrivere una mail a gruppocastelfranco@gmail.com.

Per chi volesse, invece, fare un’offerta per salvare gli animali alluvionati:

c/c n. 43035203 intestato a OIPA Italia

oppure con un bonifico bancario sul conto corrente n° 43 03 52 03 banco posta Codice IBAN: IT28 P076 0101 6000 0004 3035 203 specificando nella causale “Treviso-Alluvione”.

Laura Dotti

Foto | via www.promiseland.it; www.oipaitalia.com


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

3 Risponde a L’alluvione in Veneto non risparmia nemmeno gli animali

  1. Pingback: Chiliamacisegua » Blog Archive » News 22 novembre

  2. Pingback: News 22 novembre « Chiliamacisegua

  3. avatar
    Patrizia Danazzo 22/11/2010 a 18:57

    scusate, devo dire che non e’ vero che nessuno e’ intervenuto,noi ci siamo occupati di vicenza e provincia, QUESTA LA NOSTRA NOTA DI FACEBOOK, compresa dell’articolo su di noi pubblicato da geapress

    http://www.facebook.com/notes.php?id=100000809945561&notes_tab=app_2347471856#!/note.php?note_id=434953592643

    sperando che questo serva a far capire che ci sono comuni mortali che si sono mossi a favore degli animali almeno nella provincia di vicenza, per le altre province non posso dire nulla.

    cordiali saluti
    Patrizia Danazzo e Antonella Roana

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews