La verità censurata

Una tragedia quasi annunciata. Un meccanismo della prevenzione e protezione che si inceppa. Autorità che rischiano la smentita e un servizio di informazione che disattende la divulgazione della notizia, quella vera

di Sabina Sestu

Claudio Messora

Claudio Messora

Una video – intervista sparisce misteriosamente da YouTube. L’intervistata e il blogger che l’hanno realizzata si domandano il perché.  «Non sono stati lesi i diritti di copyright e non c’erano parole ingiuriose – afferma Claudio Messora, autore del video –  mi chiedo allora il perché di questa censura». «Non siamo un paese libero», a dichiararlo è Stefania Pace, sopravvissuta alla tragica notte del 5 aprile grazie alla segnalazione del contestato tecnico dell’Istituto di fisica dello Spazio Interplanetario, Giampaolo Giuliani.

Il video purgato dalla rete è stato ripubblicato dai cybernauti in tutti i principali social network. Per Messora, autore del blog  www.byoblu.com, il rilancio sulla rete del video oscurato da YouTube è «una dichiarazione di indipendenza della rete e del giornalismo libero e indipendente rispetto a quello omologato dei media tradizionali. La rete va avanti». Ma cosa può aver portato alla scomparsa dell’intervista dal notissimo sito? Secondo i due autori del video a provocare una reazione così forte può essere stata la denuncia da parte della Pace mossa alla protezione civile. «La protezione civile ha avvisato la popolazione, dopo la scossa delle 23,30 – aveva dichiarato la signora Pace nel video – di rientrare nelle proprie case poiché non c’era più alcun pericolo». Questo potrebbe essere l’unico motivo che può aver portato alla rimozione dell’intervista.

Dichiarazione che può essere stata considerata scomoda. «Forse questo passaggio offendeva la sensibilità – riflette il blogger – istituzionale di alcuni soggetti preposti al potere». Visto che i messaggi che sono stati lanciati all’opinione pubblica, quelli come dire “ufficiali”, parlavano di situazione sotto controllo, di “va tutto bene” e che “la protezione civile si sta occupando in modo eccellente di coloro che vivono nei campi”, sentire delle voci discordi a questa versione potrebbe aver davvero dato fastidio a qualcuno o persino a molti. La bella immagine che è stata rinviata al pubblico sulla figura di Guido Bertolaso e dell’istituzione della protezione civile, parla di angeli attenti alle esigenze della popolazione e che hanno continuato ad operare in maniera ottimale affinché la popolazione si sentisse protetta.

Stefania Pace

Stefania Pace

Sbriciola questa visione idilliaca il racconto di Stefania Pace.  Infatti mentre rientrava l’allarme della scossa delle 23,30 e le persone venivano invitate a rientrare nelle proprie case, la prefettura veniva evacuata appena mezz’ora dopo, verso la mezzanotte. «Come mai? – si chiede la signora Pace – e perché non sono stati evacuati anche i centri storici?». Errore di valutazione della protezione civile, molto probabilmente. Ma ciò che infatti fa infuriare i due epurati è la mancanza di libertà di espressione. «Viene tanto magnificato l’articolo 21 della Costituzione – dice infatti il Messora – ma poi di fatto le grandi società mediatiche sono assoggettate al potere delle lobbies, della politica e dell’economia».  «Tutto questo mi fa pensare che nel nostro paese non c’è la libertà di opinione – rincara la dose l’intervistata – e di poter esporre i fatti da parte di semplici cittadini. Se i punti di vista espressi sono differenti o contrari alle versioni ufficiali che si propinano all’opinione pubblica, allora scatta il veto».

I due protagonisti di questa incredibile vicenda ringraziano tutti coloro che hanno divulgato e diffuso nelle rete la loro video – intervista.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews