La tosse: per curarla a dovere scopriamo le varie tipologie

Grassa, secca, cronica o sibilante la tosse deve essere trattata con il farmaco adeguato

tosse-pixabay

Foto di Anastasia Gepp da Pixabay

Definire la tosse una vera e propria malattia è fuorviante. Quel che è certo è che la tosse rivela una possibile risposta dell’organismo a specifiche problematiche. Problematiche fra le quali irritazioni alle vie respiratorie dovute all’aver respirato fumo, polveri sottili, o agenti inquinanti, oppure conseguenza di infiammazioni dei bronchi, dei polmoni, della trachea, della laringe o della faringe.

TIPI DI TOSSE E COME CURARLI – Per avere una diagnosi corretta è bene rivolgersi al proprio medico curante, soprattutto se la tosse si protrae nel tempo.

In linea generale però possiamo aver a che fare con:

  • tosse grassa o produttiva;
  • tosse secca o non produttiva;
  • tosse cronica;
  • tosse sibilante.

TOSSE GRASSA -  La tosse grassa, classica ‘tosse di petto’, è detta anche produttiva per la presenza di accumuli di catarro nei bronchi che devono essere buttati fuori grazie proprio ai ripetuti colpi di tosse.

Di norma la tosse grassa è il sintomo più evidente di un’infezione virale, che crea un’ostruzione alle vie respiratorie.  La si cura con farmaci che fluidificano il catarro accumulato e ne favoriscono l’eliminazione.

Per curarla ci si può affidare anche a prodotti omeopatici, come lo Stodal sciroppo, ottenuti da principi attivi naturali.

TOSSE SECCA - La tosse secca di norma non provoca fenomeni di espettorazione di secrezioni bronchiali o tracheali, per questo è detta non produttiva. E’ possibile ridurne i fastidi con prodotti sedativi che producono un effetto calmante sui ricettori della tosse, senza però scatenare effetti analgesico-narcotici. Parliamo di prodotti disponibili in pastiglie o sciroppi a base di destrometorfano e levomentolo.

TOSSE CRONICA - La tosse cronica si presenta ripetutamente nell’arco di un anno e di norma è la conseguenza di una persistente infiammazione delle mucose respiratorie. A soffrirne sono soprattutto i fumatori oppure chi respira in dosi massicce gli agenti inquinanti, presenti nell’aria, oppure ha particolari allergie.

TOSSE SIBILANTE - La tosse sibilante si abbina di solito a una difficoltà nella respirazione, quasi una sorta di costrizione toracica, che si presenta anche in seguito a uno sforzo intenso. Questa tipologia di tosse di norma peggiora durante la notte, oppure se si gravita in un ambiente a elevata presenza di smog. Si può pensare che una tosse come questa sia di origine allergica, per cui si consiglia di contattare un allergologo che, in base a test specifici, sarà in grado di identificare l’allergene che provoca il disturbo, e di curarlo prescrivendo i farmaci adeguati.

Sponsored post

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews