Monti chiede la collaborazione ai riformisti, Grillo polemico sui simboli clonati

Mario Monti, situazione politica, riformisti

Mario Monti

La situazione politica italiana in vista delle prossime elezioni è incentrata ad oggi sulle polemiche riguardo i simboli “scippati”. A Frosinone Beppe Grillo ha sfogato la sua rabbia chiedendo che siano eliminati i duplicati o non si presenterà alle elezioni. Ha affermato di aver presentato un simbolo ma ormai per il comico genovese è tutto abusivo, il finto si fonde col vero e non si sapeva qual’era il simbolo. Entro martedì comunque si aspetta la soluzione al problema.

Calderoli ha consegnato il simbolo della Lega con i nomi di Maroni e Tremonti, il papabile candidato alla Presidenza del Consiglio. Berlusconi si dice pronto al faccia a faccia con Bersani, definendolo l’unico vero avversario. E’ il Partito Democratico secondo il Cavaliere che deve essere battuto e sarebbe felicissimo di poter andare in tv e far conoscere agli italiani il suo programma e confrontarlo con quello del Pd così che possano decidere chi votare.

Il Pd per ora chiude alla possibilità dell’uno contro uno in tv. Bersani sarà in tv solo contro il candidato  premier del centrodestra, di certo dunque non contro Berlusconi. Letta intanto avverte come la crisi c’è ed è percepita e sentenzia come tutti gli show televisivi mirabolanti – riferendosi all’ospitata di Berlusconi a Servizio Pubblico di giovedì scorso – non la faranno dimenticare. Dichiara di essere stanco delle balle e delle illusioni che non si possono mantenere, che molti continuano a promettere.

Mario Monti ha lanciato un appello ai riformisti auspicando una collaborazione produttiva. E per far capire con precisione la situazione, il Professore ha distinto Fassina e Vendola da Casini e Bocchino. Ha inoltre aggiunto come Udc e Fli, probabilmente per ragioni tattiche, siano state le  componenti che hanno creato meno difficoltà alle riforme strutturali iniziate dal suo governo. Molte delle quali hanno trovato dei limiti severi, a suo modo di vedere, perchè sono stati posti limiti dai conservatori presenti in una parte del Parlamento.

Gian Piero Bruno

@Gian Fou

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews