La Lega araba sospende la Siria finchè non cesseranno le violenze

Siria

Siria

Con 18  voti favorevoli, due no (Libia e Yemen) e un astenuto (Iraq), i paesi membri della Lega araba hanno deciso di sospendere la Siria dalle sue attività a partire dal prossimo 16 novembre: la sanzione durerà finchè Damasco rifiuterà di applicare il piano comune  per porre fine alle violenze.

Questo l’annuncio del ministro degli Esteri del Qatar, Hamad ben Ghazem, presidente di turno della Lega. La sospensione non è tuttavia l’unico provvedimento; la Lega ha infatti anche fatto appello ai diversi Paesi arabi perchè richiamino i propri ambasciatori da Damasco, chiedendo poi l’imposizione di sanzioni economiche e politiche.

Nella dichiarazione finale, la Lega ha chiesto l’applicazione di misure concrete per proteggere i civili, annunciando che, nel caso non venissero meno le violenze e gli assassinii, si prenderanno contatti con le organizzazioni internazionali per i diritti dell’uomo, a partire dall’Onu.

Dura la reazione di Damasco che, attraverso il suo rappresentante Yousef Ahmad, ha detto di giudicare la decisione «illegale, in quanto viola lo statuto e le regole interne della Lega». La sospensione della Siria rappresenta, secondo Ahmad  «l’elogio funebre della libertà d’azione comune araba, subordinata ai programmi degli Stati Uniti e dell’Occidente».

Redazione

foto www.wakeupnews.eu

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews