La Juve supera l’Inter e riapre il campionato

La Juventus tira fuori le unghia nel momento più delicato della sua stagione, batte l’Inter 2-1 e riapre ufficialmente il campionato. Gode il lanciatissimo Milan, ora a -4 dai nerazzurri comunque sempre al comando. Terza la Juve a -5

di Vincenzo La Camera

juventus_vs_interMatch winner il nuovo gioiello del centrocampo bianconero, Claudio Marchisio, che al 58’ con un tocco sotto alla Del Piero scavalca un incerto Julio Cesar che si lascia sfuggire un tiro non irresistibile di Sissoko. Il primo tempo si era chiuso sul punteggio di 1-1. Al vantaggio bianconero di Chiellini (con la partecipazione di Del Piero e Felipe Melo) in mischia,  su calcio da fermo di Diego, aveva risposto dopo cinque minuti Eto’o di testa. Per un prima frazione di gioco agonisticamente valida e ricca di capovolgimenti di fronte.

Moratti aveva minacciato di ritirare la squadra in caso di insulti a Balotelli, ma invece ad abbandonare il campo prima del previsto è Mourinho. Il tecnico portoghese si fa espellere per incomprensibili proteste dopo il vantaggio bianconero.

Nella ripresa dopo il gol di Marchisio, la Juve prende coraggio e imbriglia il match. Salgono in cattedra Sissoko e lo stesso autore del gol del vantaggio bianconero, che prendono le misure a Stankovic e Motta.

Mourinho comunica al suo vice Beppe Baresi che è giunto il momento di Balotelli. Il discusso attaccante nerazzurro, sicuramente più per quello che avviene al di fuori che non sul campo di gioco, appare subito nervoso e non dà quella scossa di cui l’Inter avrebbe bisogno. Eto’o lentamente si spegne e Buffon non lo vede quasi mai dalle sue parti.

La Juve non corre rischi e vede la vittoria sempre più vicina. Ciro Ferrara toglie un Del Piero non al top per Camoranesi. Grazie alle doti di palleggiatore dell’italo-argentino il gioco ora è ancora più imbrigliato e l’Inter non trova varchi.

L’unica pericolo prodotto dai nerazzurri nella ripresa è un’azione sull’asse Milito- Stankovic- Eto’o, ma la difesa juventina seppur in affanno riesce a ripartire. E proprio sul capovolgimento di fronte la squadra di Ferrara trova il gol vittoria che rimette l’Inter con i piedi per terra e sicuramente in apprensione in vista della sfida da dentro o fuori di mercoledì in Champions contro lo spauracchio Rubin Kazan.

Nel finale succede poco a livello di gioco. Ma c’è il tempo di una rissa provocata da una simulazione di Balotelli, crollato in terra dopo una tentata gomitata di Felipe Melo che però non va a segno. Il parapiglia costa comunque il rosso al brasiliano e il giallo a Super Mario. Proprio lo stesso attaccante dell’Under 21 nell’ultima azione del match si ritrova l’unica palla buona della sua partita ma la spara sulla difesa bianconera.

Ferrara con questa vittoria ha la certezza di mangiare il panettone a Natale. E se dovesse arrivare la qualificazione in Champions (basta un pari con il Bayern Monaco martedì), al panettone si aggiungerebbe anche lo spumante.

In casa nerazzura invece, Mourihno sinora ha fallito i due match più importanti della stagione. Quello contro il Barcellona al Camp Nou in coppa e quello di stasera. Mercoledì, contro il Rubin Kazan, vietato sbagliare.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews