La Coscienza di Zeno al Teatro Quirino di Roma: recensione

La Coscienza di Zeno, Teatro Quirino, Locandina (teatroquirino.it)

Roma – La Coscienza di Zeno è la nuova produzione del Teatro Carcano di Milano, in scena fino al 14 aprile al Teatro Quirino di Roma.

Il protagonista della piéce è Giuseppe Pambieri, la regia è affidata a Maurizio Scaparro e il riadattamento è di Tullio Kezich. Il Dottor S. (appellativo liberamente ispirato a Sigmund Freud) è lo psicanalista di Zeno Cosini, un uomo inetto, malato e disilluso; sotto consiglio del dottore, scriverà le sue memorie per fini terapeutici. Ma subito dopo la stesura del testo lascerà per sempre le sedute psicanalitiche con Il Dottor S. che, sentitosi tradito da questo gesto, pubblica a sua insaputa la biografia di Zeno dove si racconta della morte del padre, il matrimonio consolidato con una donna non voluta, la rivalità con il cognato Guido, il tradimento della moglie, momenti di vita sui quali si svilupperà tutto lo spettacolo teatrale.

Il profilo del protagonista è definito da alcuni aspetti: Zeno ha atteggiamenti tipicamente nevrotici, continua a rimandare il giorno in cui smetterà di fumare riempiendo il suo tempo di “ultime sigarette” senza arrivare mai veramente all’estirpazione del vizio, ha avuto molte difficoltà a relazionarsi con il padre che, anche in punto di morte, gli darà uno schiaffo; infine è affetto dalla sindrome di Edipo perché ha un rapporto conflittuale con le donne, e questa sua patologia è messa in risalto dalla ricerca affannosa di un’amante con la quale tradirà sua moglie Augusta. Tutto ciò produce nel signor Zeno un concezione distorta del suo IO che lo porta a vedere sani gli altri, quasi fossero un esempio da seguire, ma di certo non per lui, che ha una personalità bizzarra e che è ben lontano dalle costrizioni e dagli schemi mentali.

Sarà il signor Zeno a compiere la trasformazione umana perché capace di vedere al di là del mondo statico e immutabile dei “normali”; prendendo consapevolezza di sé e dei propri limiti saprà guarire dall’inettitudine, che non è solo la malattia di Zeno, ma può essere considerata un flagello che pesa sugli uomini moderni, quella malattia che è la vita stessa, che “non è né bella né brutta ma è originale”.

La Coscienza di Zeno, Teatro Quirino, scena dello spettacolo (toscanaspettacolo.com)

La storia non risulta essere lineare, infatti tutto quello che perviene allo spettatore è dato dal flusso di ricordi del protagonista, che non sono ben articolati e non seguono una certa cronologia; la scelta dei flashback e del tempo cronologico sfalsato risulta essere la grande innovazione del romanzo del ‘900.

Scritto da Italo Svevo nel 1923, La Coscienza di Zeno è il manifesto di una sentimento comune ad altri grandi scrittori, come Pirandello e Proust, che si diffonde in tutta Europa a cavallo tra i due secoli dell‘800 e il ‘900. L’uomo moderno avverte profondamente un senso di inquietudine e un’angoscia esistenziale.

Questo perché la vita è inquinata dalle origini, tutto si nasconde dietro apparenti certezze ma il senso di vuoto è un fedele compagno di viaggio. Più grande è l’autoconsapevolezza più profonda sarà la crisi umana.

Questo spettacolo tragicomico è imperdibile, travolgente e profondo ed è arricchito dal cambio continuo di scenografie e ambientazioni, portato in scena da una compagnia di attori formidabili e versatili che sanno tracciare con sapienza i profili di uomini e donne che, con amara ironia, intraprendono il sentiero della vita.

                                                                                                                                                                                                                                                                                     Giulia Orsi

La Coscienza di Zeno

Teatro Quirino

via delle Vergini, 7 Roma,

fino al 14 aprile

Orari

dal martedì al sabato ore 20.45
giovedì 4 e mercoledì 10 ore 16.45
venerdì 5 ore 16.45 e ore 20.45
giovedì 11 ore 16.45 e ore 20.45
sabato 13 ore 16.45 e ore 20.45
tutte le domeniche ore 16.45

Biglietti

Platea € 32 intero, € 27 ridotto

I Balc € 26 intero, € 22 ridotto

II Balc € 21 intero, € 18 ridotto

Galleria € 15 intero, € 12 ridotto

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews