La Cassazione aiuta gli utenti di internet contro i “parassiti della rete”

D’ora in poi i gestori telefonici devono fornire agli utenti i tabulati con i numeri di telefono per esteso

bollettaBattaglia dura contro i dialers ossia quei programmi che quasi automaticamente connettono l’ignaro navigatore del Web a numeri telefonici a pagamento.

A quanti è venuto quasi un colpo apoplettico nel ricevere la bolletta telefonica il cui importo conteneva centinaia di euro da sborsare? Ma come può accadere tutto questo?

E’ presto detto. Soprattutto quando si accede a siti per scaricare musica, suonerie, loghi, icone, sfondi ecc. dove basta cliccare sul bottone SCARICA SUBITO per attivare la “truffa”.  I programmi, infatti, fanno comporre automaticamente al nostro modem  un numero di telefono a pagamento (di norma sono numerazioni  che iniziano con 199, 899, 709) con tariffe che possono anche toccare i 3 euro al minuto. E da lì l’arrivo della faraonica  bolletta “ammazza coronarie”.

In realtà tali siti dovrebbero avvertire con  grande evidenza che accettando il “download” si verrà collegati a numeri a pagamento, ma di fatto sono ben pochi quelli che si rendono così trasparenti.

E quando arriva la bolletta ci si attacca al telefono per contattare il proprio  gestore il quale, di norma, non ne vuole sapere di  effettuare alcun tipo di sconto sull’importo. Chi si rifiutava di pagare la super-bolletta si vedeva così “tagliata” la linea telefonica.

Ora i giudici del Palazzaccio hanno dato più armi in mano al povero consumatore decidendo che, nel caso di contestazione dell’importo della bolletta, compresi computer-keyboardi numeri a pagamento per connessioni ad Internet, l’azienda telefonica dovrà fornire i tabulati con i numeri completi delle chiamate prima di poter disattivare il telefono per mancato pagamento della fattura.

Naturalmente questa decisione vale anche per tutti gli altri casi in cui l’importo della bolletta venga gonfiato per tutte le frodi e truffe perpetrate ai danni dei consumatori che “surfano” nel grosso mare di Internet.

A questi un avvertimento: occhi aperti a dove clikkate!!!

Cinzia Pichirallo

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a La Cassazione aiuta gli utenti di internet contro i “parassiti della rete”

  1. avatar
    Lucio 29/01/2010 a 10:12

    Gentilissima dottoressa Cinzia Pichirallo,
    trovo interessante e giusto il suo articolo, così come altri da Lei scritti.
    E’ molto facile difendersi dai dialer e conoscere, in tempo reale, il numero telefonico sul quale il malfattore tenta di dirottare il collegamento.
    Il programmino, gratuito sotto tutti i suoi aspetti e leggero in termini informatici, è scaricabile a questo indirizzo:
    http://www.digisoft.cc/portale/download.html
    Saluti
    Lucio

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews