La cantantessa Carmen Consoli torna in concerto a Firenze

La "cantantessa" siciliana (Fonte foto: www.carmenconsoli.it/)

La “cantantessa” siciliana (Fonte foto: www.carmenconsoli.it/)

Non deve essere semplice per Carmen Consoli tornare a calcare i palchi di mezza Italia con il suo “L’abitudine di tornare Tour” dopo 5 anni di assenza dalle scene. Ma in favore della “cantantessa siciliana” c’è un curriculum di tutto rispetto votato all’unicità, a partire dal modo singolare con cui si è sempre definita e che farebbe sicuramente piacere alla presidente della Camera, Laura Boldrini, negli ultimi mesi impegnata in una personalissima lotta alla nomenclatura al femminile delle professioni.

L’UNICITÁ DELLA CANTANTESSA SICILIANA

Sono le cronache, e i giornali di tutto il mondo, a cristallizzare – qualora fosse necessario – il talento cristallino di una delle migliori artiste made in Italy. È stata la prima artista italiana a calcare il palco dello Stadio Olimpico di Roma, l’unica italiana a partecipare in Etiopia alle celebrazioni dell’anniversario della scomparsa di Bob Marley, si è esibita come headliner a Central Park, ha segnato 3 sold out di fila a New York, ha fondato una sua etichetta, si è ispirata a Verga e alla mitologia, ha portato nelle sue canzoni anche l’arabo e il francese, è stata la prima donna nella lunga storia del Club Tenco a vincere la Targa Tenco come Miglior Album dell’anno con Elettra, è stata nominata Goodwill Ambassador dell’Unicef e Ambasciatrice del Telefono Rosa, ha vinto il premio Amnesty Italia per Mio zio. La carriera di Carmen Consoli è costellata di primati.

Di lei il New York Times ha scritto che i testi delle sue canzoni sono immaginifici e trascendono vari livelli di comunicazione. Sia che canti di storia, di mito o di vicende personali, la Consoli è sempre estremamente appassionata. La voce può essere fumosa e bassa, decisamente divertita o graffiante di rabbia, sottolineando l’unicità della sua scrittura e della sua voce, in continuo bilico tra forza, passione e dolcezza.

Un estratto dal live (Fonte foto: ww.carmenconsoli.it/)

Un estratto dal live (Fonte foto: ww.carmenconsoli.it/)

Unicità canora, compositiva e interpretativa e un suono in continua evoluzione valorizzato dalla sua verve di performer grintosa e passionale, fanno di Carmen Consoli un’artista fuori da ogni etichetta. E l’ulteriore conferma è arrivata con l’ultima fatica della cantantessa, L’abitudine di tornare, un album molto atteso ed ispirato, denso di ritmo, melodia e contenuti universali, che trae vocazione dalla reale quotidianità. Un album in cui Carmen veste i panni di ‘cronista’ per raccontare stati d’animo e sentimenti, situazioni di ogni giorno e note di attualità con metafore, poesia e amara ironia. Alternando la forza del rock alla delicatezza della ballata, le 10 tracce contenute in “L’abitudine di tornare”, si presentano come racconti dell’Italia di oggi e di ieri, in un mondo diviso tra vincitori e vinti.

A pochi mesi dall’uscita dell’album, l’omonimo tour che, dopo le affollate tappe di Roma e Milano, domani sera sbarca al Mandela Forum di Firenze. L’artista dà una nuova veste al live con la grinta e l’energia di due donne a dettare la base ritmica che vede al basso Luciana Luccini e alla batteria Fiamma Cardani. E mentre la nuova formazione musicale si completa con Roberto Procaccini alle tastiere e Massimo Roccaforte alla chitarra, quote rosa si vedono anche nel reparto tecnico, con Camilla Ferrari al disegno luci.

UN LIVE AL FEMMINILE

Un live ‘al femminile’ quindi per Carmen che, abbandonata l’atmosfera più intima dei teatri, ritorna nei grandi spazi dei palasport di tutta Italia con un concerto dai suoni coinvolgenti e venature di elettronica e rock a sottolineare la forza di uno spettacolo prorompente. In scaletta, oltre a brani tratti dal suo ultimo successo discografico “L’abitudine di tornare”, canzoni del suo repertorio, pezzi che non suonava live da tempo e che ha reintrodotto nel concerto per la loro anima più rock; tra questi  Per niente stanca, Venere, Geisha e Besame Giuda.

Antonio Giordano 

Carmen Consoli, la scaletta dei concerti di L’abitudine di tornare Tour 2015

La signora del quinto piano
Per niente stanca
Besame Giuda
Fino all’ultimo
Bonsai #2
L’abitudine di tornare
Esercito silente
AAA Cercasi
Stato di necessità
Guarda l’alba
Geisha
Matilde odiava i gatti
Sentivo l’odore
Fiori d’arancio
Blunotte
In bianco e nero
L’ultimo bacio
Autunno dolciastro
Parole di burro (Narciso)
Sintonia imperfetta
Venere
Questa piccola magia
Grida
L’alieno
Confusa e felice
Amore di plastica

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews