La Bella e la Bestia al Teatro Vascello di Roma

bella-bestia-foto-CASTAGNA (1)

E’ in scena fino al 15 dicembre 2018 ogni sabato alle ore 17.00 e domenica ore 15.00 al Vascello dei Piccoli di Roma la Bella e la Bestia. Infatti, la Compagnia Dei Giovani del Teatro Vascello continua a cimentarsi con le favole più classiche dopo la loro Cenerentola in cui si sono per la prima volta autodiretti.

TRAMA: La storia, ispirata alla fiaba originale del 1743 di Marie Leprince Beaumont, racconta l’Amore tra Bella, una fanciulla, e una creatura bestiale trasformata da un potente incantesimo in un essere metà uomo e metà bestia. Bella entrerà nel castello mettendo la sua vita in pericolo per salvare quella di suo padre, ma incontrando la Bestia, creatura tanto brutta quanto meravigliosa, scoprirà un mondo magico pieno di emozioni. Il resto è storia, ma soprattutto insegnamenti: l’amore che va oltre l’aspetto esteriore, portando con sé una forza misteriosa che spesso cambia la sorte. Letteratura, cinema e teatro si sono spesso serviti di questa favola per raccontarci questo insegnamento e cioè che la diversità spesso rappresenta una ricchezza per l’esistenza.

RIFLESSIONI E CAST: È uno spettacolo teatrale leggero, frizzante, divertente, di alto senso morale e quindi perfetto per tutti i bambini, ma anche per gli adulti. E’ diretto e interpretato da Isabella Carle, Matteo Di Girolamo, Marco Ferrari,  Chiara Mancuso,  Cosimo Coky Ricciolino, Pierfrancesco Scannavino, con ottime musiche e un allestimento assai piacevole  a vedersi, curato in ogni dettaglio, insieme a tantissime scene di danza. Bravissimi gli attori che hanno introdotto tantissime altre simpatiche battute. Per questa nuova versione sono stati inseriti diversi nuovi personaggi  (per esempio i topolini all’interno del castello della Bestia) che coloreranno la storia con tinte più gioiose, dando vita a uno spettacolo che si pone l’obiettivo di far divertire e riflettere, anche grazie all’ironia.

Alla base degli spettacoli che sono andati in scena al teatro Vascello (per bambini) c’è un sottile ed importante filo rosso, quello del rispetto per l’arte e del coraggio di mettere in scena la fiaba nei suoi aspetti complementari ed indissolubili di luce e ombra/vita e morte. Tutto scorre, tutto si alterna, tutto avviene e proprio perché è contenuto ed inserito nello scorrere drammaturgico e scenico può essere visto, assorbito e metabolizzato.

Una storia questa che è riuscita pienamente a catturare l’attenzione del pubblico grazie a un ottimo cast che ha trasmesso allegria e ironia allo stesso tempo, buon divertimento!

Chiara Campanella

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews