L’effetto boomerang di Berlusconi alle amministrative

Il confronto elettorale tra Pisapia e Moratti su SkyTg24

Roma – Un risveglio da incubo. Silvio Berlusconi non si aspettava questo disastroso risultato elettorale. Il suo umor nero peggiora di giorno in giorno mentre ripensa alle strategie da adottare in vista del ballottaggio di fine maggio.  Lanciato il referendum di verifica pro e contro se stesso, certo di stravincere nelle amministrative svoltesi il 15 e 16 maggio, ora il cavaliere deve fare i conti con questa cocente sconfitta. Perdere Milano avrebbe un effetto devastante sul governo, di questo è pienamente conscio il premier, tanto che ha lanciato la parola d’ordine di serrare le fila attorno alla candidata Letizia Moratti. Lo scarto delle preferenze tra Pisapia  e la Moratti fa presagire il peggio, ma quello che ancor più preoccupa il presidente del Consiglio è la batosta subita dal Pdl.

Il pessimismo serpeggia nel partito e Berlusconi ancora scosso dal risultato del voto, cerca di scrollarsi per ritrovare il suo abituale ottimismo. «Abbiamo di fronte un’impresa – è stato infatti il sollecito discorso del premier ai big del partito che si sono riuniti ieri sera a palazzo Grazioli – ma possiamo vincerla, bisogna rimboccarsi le maniche». Ormai sono tutti certi, in seno alla maggioranza, che senza alleanze non si va da nessuna parte e che la sconfitta sia certa. Si stanno perciò attivando per stringere patti con l’Udc e con i delusi di Fli. Ignazio La Russa ha già fissato un incontro con Andrea Ronchi per giovedì.

La strategia elettorale quindi potrebbe cambiare. Basta con gli insulti e puntare sul passato “comunista” degli avversari. La faccia del premier potrebbe non essere più in prima fila ma si starebbe decidendo di puntare sul territorio e sul motto “non si può lasciare Milano ai centri sociali” . La tattica per la seconda tranche delle campagna elettorale potrebbe essere un defilamento da parte del premier. Berlusconi cerca di salvare il salvabile, ossia se stesso. Olbia, su cui il premier contava tantissimo, è finita già al primo turno nelle mani dell’ex pidiellino Giovannelli. Cagliari andrà al ballottaggio con un leggero vantaggio da parte del candidato di centrosinistra Massimo Zedda su Massimo Fantola sostenuto anche dal Pdl. Persa Bologna a favore di Virginio Merola già al primo turno. La maggioranza di governo è super preoccupata.

 

La battaglia elettorale sul social network Twitter

Berlusconi teme di perdere anche l’importantissima Napoli. Avere un magistrato come primo cittadino del capoluogo campano, infatti, semina il panico a palazzo Grazioli e anche in questo caso è già pronto lo slogan elettorale:  ”Non lasciamo la città in mano a un magistrato che ha rovinato la gente”. E nel mentre i cittadini del web si scatenano nel lanciare, nei vari social network, le loro riflessioni sul voto delle amministrative. Sono in tantissimi a parlare di cambiamento, di svolta e di aria nuova che si respira in Italia. Sta ora alle forze politiche leggere attentamente i numeri e le percentuali di questa tornata elettorale per capire il volere dell’elettorato.

Sabina Sestu

 

Foto: www.politica24.it; www.lademocrazia.it

Preview:www.online-news.it


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

4 Risponde a L’effetto boomerang di Berlusconi alle amministrative

  1. avatar
    anonimo 18/05/2011 a 19:14

    pisapia per milano!de magistris per napoli!gli uomini giusti per uscire da questo letamaio!!!!!!!

    Rispondi
  2. avatar
    anonimo 19/05/2011 a 09:34

    oggi riunione del consiglio dei ministri!speriamo che gli italiani non credano a tutte le promesse che fara il cavaliere per rimanere a galla!italiani non vi fate imbrogliare piu da quest uomo!promesse ma mantenute,pensa solo alla sua salvezza!!!!!

    Rispondi
  3. avatar
    SabinaS 19/05/2011 a 12:37

    Il volere degli italiani, almeno di quelli impegnati nel voto delle amministrative, si scoprirà a breve, ossia il 29-30 maggio. In democrazia, fortunatamente, a scegliere sono ancora gli elettori. Sta ai politici seri e onesti capire qual’è il volere del cittadino e cercare di realizzarlo politicamente.

    Rispondi
  4. avatar
    anonimo 20/05/2011 a 11:14

    berlusconi e bossi stanno preparando un affondo per vincere il prossimo ballottaggio a milano!di quale strategia ingannevole staranno pensando?????

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews