Klose, Di Natale e gli altri addii della 38esima di Serie A

Miroslav Klose (news.superscommesse.it)

Miroslav Klose (news.superscommesse.it)

L’ultima giornata di Serie A vedrà l’addio di diversi calciatori che, chi più chi meno campione, hanno forgiato per tante stagioni il destino di club come Lazio, Milan, Juventus, Fiorentina, Udinese e Atalanta ma anche di club esteri molto importanti come il Bayern Monaco. Sembra corretto ricordarli tutti partendo da chi è stato una bandiera a chi invece ha spezzato più cuori ma ha comunque lasciato il segno.

MIROSLAV KLOSE - Se a Roma i tifosi giallorossi sono riusciti nell’impresa di evitare ancora per un anno l’addio degli addii a Francesco Totti, i tifosi biancocelesti della Lazio invece piangeranno un po’ questa domenica. Miroslav Klose, bomber indiscusso, giocherà la sua ultima partita in biancoceleste e quindi in Serie A. L’atleta tedesco è stato una colonna portante della Lazio dal suo arrivo a Roma nel giugno 2011, grazie ad un colpo a parametro zero del Presidente laziale Lotito. Klose arrivò a 33 anni dalla Germania e sfatò subito tutti i dubbi su di lui. Dalla stagione 2011-2012, Klose ha giocato un totale di 172 presenze segnando 62 goal. Gli anni alla Lazio hanno portato al tedesco la vittoria di una Coppa Italia, stagioni altalenanti in Europa League, la conquista dei preliminari di Champions di quest’ anno e la partecipazione al mondiale brasiliano vinto che ha permesso di chiudere la carriera come miglior marcatore nella storia dei mondiali: 16 goal in 4 edizioni. Domenica si chiuderà con un “Danke Miro” che proverà a far spazzare via i rimpianti di questa stagione difficile per la Lazio.

Totò Di Natale (napoli.zon.it)

Totò Di Natale (napoli.zon.it)

TOTO’ DI NATALE  - Un altro bomber di razza che chiude oggi la sua carriera è Totò Di Natale. A differenza di Klose, Di Natale lascia la Serie A e molto probabilmente il calcio dopo 12 anni di fedeltà assoluta ad una sola maglia: l’Udinese Calcio. Una carriera spesa tra Empoli e Udinese, Totò lascia dopo 208 goal in Serie A, non quei 216 che gli avrebbero permesso di raggiungere Altafini e Meazza. Proprio per questo chi lo conosce bene dice che non è ancora detta l’ultima parola sul suo ritiro. A 39 anni Totò potrebbe voler fare ancora un altro anno. Chiude con un solo goal e poche presenze, lui che è stato due volte capocannoniere in Serie A, per 9 campionati di fila in doppia cifra, ha portato l’Udinese a giocare la Champions League ed è stato anche protagonista della Nazionale. Un numero 10 che non ha tradito anche quando la Juventus ha chiamato. Domenica lo Stadio Friuli sarà tutto per lui.

Gianpaolo Bellini (images2.gazzettaobjects.it/)

Gianpaolo Bellini (images2.gazzettaobjects.it/)

Christian Abbiati (www.lospettacolo.it/)

Christian Abbiati (www.lospettacolo.it/)

CHRISTIAN ABBIATI E GIANPAOLO BELLINI – Dalla Serie A non se ne vanno solo bomber. Uno degli addii più considerevoli è quello di Christian Abbiati, 281 presenze in Serie A con la maglia del Milan e della Juventus, un vero e proprio colosso, protagonista dell’ ultimo Milan vincente dell’era Berlusconi. Per Abbiati sarà l’ultima in A come lo è stata per Luca Toni la scorsa domenica e come lo sarà per Gianpaolo Bellini, una vita all’Atalanta con più di 400 presenze con la Dea di Bergamo. Lasciano dunque bandiere importanti che sempre di più oggi si fanno fatica a trovare ad alti livelli; nel cuore dei tifosi lasciano ricordi e nel cuore dei futuri calciatori un esempio di ciò che vuol dire professionalità nello sport.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews