Kill Devil Hill: il nuovo progetto di Rex Brown e Vinnie Appice

La copertina del disco

Esce in questi giorni nei negozi l’esordio discografico di un nuovo gruppo chiamato Kill Devil Hill. Si tratta di un super gruppo heavy metal capitanato dal bassista Rex Brown (ex Pantera e Down) e dal bravo Vinnie Appice, famoso per essere stato il batterista di Ronnie James Dio e per aver suonato anche in alcuni album in studio dei Black Sabbath. Completano la formazione Jason Bragg, ex cantante dei Pissing Razor e Mark Zavon alla chitarra.

Rex Brown sembra aver superato i problemi di salute e di alcolismo che lo hanno afflitto negli ultimi anni e che hanno decretato la sua dipartita dai Down di Phil Anselmo, con i quali ha registrato il secondo ed il terzo album. Lo scorso anno il bassista fonda a Los Angeles i Kill Devil Hill che esordiscono in questi giorni con l’album omonimo, preceduto dal singolo Strange: un nuovo progetto che può essere definito genericamente come heavy metal anche se le influenze e gli stili presenti in questo disco sono molteplici e variegati.

War Machine apre il disco con una bordata heavy metal, mentre con Hangman si sfocia nel southern metal e nel groove metal, con influenze grunge nel ritornello. Ottima la produzione e l’esecuzione: in particolare la premiata ditta ritmica Brown-Appice sembra affiatata e compatta. Voodoo Doll è uno degli apici del disco, grazie al grandissimo riff portante e al lavoro ritmico di qualità, trascinante e compatto.

Gates of Hell contiene echi degli Alice in Chains più cupi, mentre con Rise From the Shadows si torna a macinare del buon southern metal, grazie anche al gran lavoro al basso di un Rex Brown pesantemente invecchiato ed ingrigito che però, con il basso a tracolla non ha però perso lo smalto dei giorni migliori.

Si prosegue con We’re All Gonna Die: un cocktail di Alice in Chains e Down in parti uguali. Strange invece torna a battere strade orientate verso il southern e lo stoner, grazie ad un fantastico riff portante dotato di un groove fuori dal comune. Time & Time Again rallenta i toni nuovamente, con un cupo e cadenzato incedere. In Old Man l’influenza dei Pantera fa capolino nel riff iniziale, che precede una struttura ritmica serrata e potente.

Si giunge così a Mysterious Ways, che non ha niente a che vedere con il singolo di successo degli U2 di una ventina di anni fa: ci troviamo di fronte ad un ottimo brano acustico che sgocciola sudore, afa e profuma di tabacco e whiskey. Up in Flames è una lenta bordata, cadenzata e pesante, mentre Revenge chiude il disco con un’accelerata che riassume tutte le più importanti linee guida già ascoltate nei brani precedenti, oltre ad un assolo devastante per velocità e precisione.

Rex Brown

Un ottimo disco che riassume tutto ciò che di buono il metal e l’hard rock made in Usa hanno saputo partorire negli ultimi quindici anni, a cui va unita la potenza e l’oscurità dei Black Sabbath. Ottima anche la produzione, di qualità altissima. La coppia Vinnie Appice – Rex Brown imbastisce una sezione ritmica potente e compatta, dove la chitarra di Mark Zavon può esibire tutta la sua dinamica. Appice fornisce una lezione di precisione e professionalità, mentre Brown dimostra ancora una volta le qualità che lo hanno reso uno dei bassisti più influenti degli ultimi venti anni in campo rock/metal. Buono il cantato, anche se “classicamente” heavy metal: probabilmente un tocco in più di personalità nelle parti vocali non avrebbe guastato.

In complesso un progetto promosso a pieni voti, che vanta nella compattezza delle canzoni e nella potenza delle ritmiche le sue qualità migliori, senza dimenticare la capacità della band di mescolare molteplici influenze al fine di creare un prodotto di qualità. Sarebbe interessante poter assistere ad una esibizione in terra italica di questa nuova band, che al momento non ha ancora confermato tutte le date del loro prossimo tour. In attesa di eventuali news ci godiamo l’esordio discografico di questa nuova piacevole realtà musicale.

Alberto Staiz

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews