Addio a James Horner, la musica del cinema

E' morto James Horner, oscar per la colonna sonora e miglior canzone del film 'Titanic', nonché compositore di musiche di film che hanno fatto la storia

James Horner (www.lapausainfo.it)

James Horner (www.lapausainfo.it)

Del mondo dello ‘star system’, i non addetti ai lavori, conosco soprattutto attori e registi. Accanto a loro però c’è tutto un altro mondo, come sceneggiatori, scenografi, costumisti, addetti al montaggio. Tra questi ci sono anche i compositori di musiche, canzoni e colonne sonore. Più che i loro nomi si conoscono le loro composizioni, ma dietro a molte diverse, nello stile e nel genere, composizioni, spesso, si nasconde un unico volto. Ieri mattina è stato dato l’annuncio della morte di una vera e propria ‘star’ del mondo della musica cinematografica:James Horner, due volte premio Oscar nel 1998, è morto in un incidente aereo, pilotando il suo monomotore turboelica e precipitando nei pressi della foresta di Los Angeles.

UNA VITA PER LA MUSICA – Classe 1953, Horner nasce a Los Angeles e già a cinque anni inizia a suonare pianoforte. Dall’Inghilterra all’Arizona, la vita di James continua seguendo università e corsi musicali, fino alla laurea in musica presso la University of Southern California. Fino alla fine degli anni ’70 insegna teoria musicale, ma poi capisce che la sua vera vocazione è la composizione di colonne sonore. Nel 1979, infatti, ne firma una per The Lady in Red, prima diuna lunghissima serie. Inizia, con gli anni ’80, a comporre per film di fantascienza, come Star Trek: L’ira di Khan (1982).

L’OLIMPO DEL CINEMA – Negli anni ’80 arriva la svolta. Horner inizia a collaborare con Steven Spielberg e Don Bluth durante la loro ‘fusione’ per classici dell’animazione. Sono sue le musiche di capolavori come la trilogia del topino Fievel, di tutti i lungometraggi de Alla ricerca della valle incantata, Balto e altri. La fama inizia a raggiungerlo, con essa collaborazioni con molti registi e la firma di musiche di film divenuti cult. Tra questi Ron Howard (Willow, Apollo 13 e Il Grich), Mel Gibson (Braveheart, L’uomo senza volto, Apocalypto), Joe Johnston (Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi, Pagemaster, Jumanji) e Jean-Jacques Annaud (Il nome della rosa, Il nemico alle porte, Il principe del deserto) sono solo alcuni dei registi e alcune delle pellicole per cui Horner compone.

L’AUTENTICO SUCCESSO: CAMERON – Il vero successo, però, ogni volta, Horner lo firma con un altro regista: James Cameron. Già nel 1986, con Aliens-Scontro finale, Horner ottiene la prima delle nove nomination all’Oscar. Nel 1998, con Titanic, James non vince solo la statuetta per miglior colonna sonora, ma anche per la miglior canzoneMy Heart Will Go On’, co-scritta con Will Jennings. Quando Cameron dirige Avatar, nel 2009, la collaborazione tra i due è scontata.

Quelle citate sono solo alcune delle molte, moltissime musiche che il compositore ha ideato. Melodie che possono trasportare non solo il pubblico ma le immagini stesse, capaci di descrivere con la stessa limpida semplicità con cui si guarda un quadro o si vede un panorama. Un talento ormai tramontato ma che, amara consolazione, è morto, citando le parole della sua assistente che ne ha annunciato il decesso, «facendo ciò che amava fare».

Francesco Fario

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews