Italia – Inghilterra, pagelle bastarde: salvate il soldato Paletta

Le pagelle bastarde sono il giusto modo per analizzare Italia - Inghilterra: insultando indiscriminatamente i nostri e gli avversari. Ma soprattutto Paletta

italia-inghilterra-pagelle-bastarde

Italia – Inghilterra: gli azzurri esultano, noi li massacriamo con le pagelle bastarde (Facebook Fifa World Cup)

Italia – Inghilterra, pagelle bastarde. Perché, direte voi? Innanzitutto fatevi i fatti vostri. E poi sì, pagelle bastarde perché per analizzare una partita ci sono tanti modi: quello tattico, quello agonistico, quello meramente attinente a ciò che si è visto sul tabellone luminoso, più che nel campo. E poi, che Iddio vi abbia in gloria, l’unico modo per sentire più vicini a noi 22 miliardari in pantaloncini che corrono (più o meno) appresso ad un pallone e poi – che si vinca o si perda – tornano a casa abbracciando l’estratto conto ed una strafiga, è quello di massacrarli con l’ironia. Ed allora, che pagelle bastarde siano.

ITALIA: PAGELLE BASTARDE

SIRIGU, voto 6,5 – Quando Buffon lo avvisa con una telefonata che il dolore alla caviglia lo tormenta (e quindi sarà lui a dover scendere in campo contro l’Inghilterra), per sbaglio gli parte la videochiamata e si intravede la D’Amico vestita da Lampard che lo frusta con un parastinchi. Sirigu non si scompone, registra tutto, mette su PornHub e va a difendere i pali azzurri con la sicurezza di un vegetariano che porge un’insalata verde a un coguaro. Reattivo sulle conclusioni da fuori, vede gli 8 difensori messi in campo da Prandelli nella ripresa e fa in tempo a giocarsi un under 3,5 alla Snai. SALVATORE DELLA PATTA (DI BUFFON).

DARMIAN, voto 7 – A guardarlo in faccia non gli daresti neanche 3 euro per andare a comprare le uova, per timore che si metta a covarle davanti al salumiere. E invece sulla sua fascia non si passa neanche col Telepass. Con Candreva il feeling è palese, l’outing è atteso entro la fine del girone. Se toglie il posto ad Abate, parte la petizione su change.org per il processo di beatificazione. (N)UOVO CHE AVANZA.

BARZAGLI, voto 6,5 - Se gli passa un pallone davanti lo spazza. Se gli passa un avversario davanti lo spazza. Se gli passa Paletta davanti lo manda affanculo perché è fuori posizione. Fatica ad entrare in partita: al 35′ approfitta ancora della pause di gioco per sistemarsi la barba col rasoio elettrico. Il salvataggio sul cross di Welbeck è un tentativo di autogol non riuscito. VORWERK.

PALETTA, voto 5 – Prandelli lo ha convocato solo per fare coppia con Insigne, che in spiaggia a Copacabana rompe le palle col secchiello. Finisce titolare perché l’esclamazione di rabbia del ct all’ennesimo infortunio viene scambiata per un “porta Paletta”. In 45 minuti il numero di palle regalate agli avversari doppia quello dei selfie di Icardi e Wanda Nara. Ogni volta che Sterling lo punta, il medico sociale gli passa uno Zovirax per la labirintite. Paolo Rossi negli studi di Sky si accorge che ha il suo stesso numero di maglia e si suicida, mettendo in loop il rigore di Costacurta contro il Boca. Toglietelo dal campo. Lo diciamo per la sua incolumità. SALVATE IL SOLDATO PALETTA.

CHIELLINI, voto 6 – Renzi ha visto la partita in HD, ha scoperto che il naso di Chiellini fa provincia e lunedì lo abolirà. Ha le scarpe di colore diverso per distinguere il destro dal sinistro, ma nei primi 15 minuti si dimentica a quale colore corrispondano i piedi e passa 900 secondi a inciampare in se stesso. L’unico calcione degno di nota lo rifila a Rooney a 2 metri dall’area di rigore, per regalarci un po’ di pathos sul 2-1. MORTACCI SUA.

DE ROSSI, voto 6 - Danielino è irritato dalla mancanza di tibie d’oltremanica da sgranocchiare. Gli inglesi girano al largo dalla zona nevralgica, e lui si sfoga minacciando Verratti per tenersi in allenamento. Migliore giocata il “Che schiava di Roma Iddio te furminò” rivolto al laziale Candreva durante l’inno nazionale. PITBULL SENZA FEATURING.

italia-inghilterra-pagelle-bastarde-pirlo

Tutta la carica esplosiva di Pirlo (Facebook Fifa World Cup)

PIRLO, voto 7 – Lo pressano in 3 alla volta e a lui gliene cale come a Fabio Volo degli alberi abbattuti per i suoi libri. Al 34′ Sturridge lo punta per scaraventarlo sul secondo anello, e lui con un velo nuziale libera Marchisio per l’1-0. Al 92′ calcia una punizione la cui traiettoria sarà oggetto degli studi del CERN per i prossimi 15 anni. Il fischio finale lo sveglia: seccato, va negli spogliatoi a scolarsi una birretta. CLONATELO.

VERRATTI, voto 6,5 – Le minacce di De Rossi lo inibiscono. È già un anno che prende schiaffi da Ibra a Parigi e sa come funziona, però il fatto che abbiano girato la foto della sua carta di identità per un provino alla Chicco lo irrita un po’. Fa un lavoro oscuro ma funzionale. E la cosa lo soddisfa. GINECOLOGO DI CENTROCAMPO. (Dal 57′ THIAGO MOTTA, voto 6. Prandelli lo manda in campo quando l’Inghilterra cerca di alzare i ritmi, e Thiagone fa quello che sa fare meglio: ammazzare la partita. Ogni volta che il pallone finisce tra i suoi piedi si sgonfia automaticamente di 0,2 atmosfere. Per la depressione. Dove passa lui non cresce più l’erba. Solo camomilla. BONOMELLI).

MARCHISIO, voto 7 – Il principino protesta da una settimana perché la sabbia del campo di beach volley spacciato per stadio di Manaus gli sporca le scarpe. Cassano e Balotelli lo chiudono 12 ore nella sauna e ne esce ridimensionato, anche fisicamente. Tiratissimo, il suo destro al 34′ ha la consistenza e il peso specifico di uno scaldabagno. PRINCIPE ABUSIVO.

CANDREVA, voto 7+ (il migliore) – Con 11 giocatori in campo, Prandelli si è imposto l’obbligo di tirare a sorte affinché almeno a uno a partita toccasse correre. La sfiga stavolta tocca a Candreva, che prende la missione alla lettera. Si alza la mattina e corre. Fa riscaldamento e corre. Si allena e corre. Defaticamento e corre. Va a colazione, pranzo e cena correndo. La notte dorme sul tapis roulant. Passasse anche un paio di palloni ogni tanto, non sarebbe male. L’insulto che Darmian gli rifila dopo 60 metri di sovrapposizione inutile al 68′,  inseguirà la sua famiglia per almeno tre generazioni. Cross telecomandato per il 2-1 di Balotelli. Mezzo voto in meno perché adesso Prandelli ha un motivo in più per non mettere la seconda punta. FORREST GUMP. (Dal 79′ PAROLO s.v Attestato di stima per aver fatto urlare a 60 milioni di italiani “afangulo” per l’ammonizione ottenuta su Sterling. PAROLO SOLTANTO PAROLO).

italian-inghilterra-pagelle-bastarde

Verratti è il portachiavi di Balotelli (Facebook Fifa World Cup)

BALOTELLI, voto 6,5 – Gioca da punta unica nel Milan e non combina una sega. Quindi Prandelli – che di mezze punte ne ha 3 in panchina – pensa bene di non affiancargliene neanche una, e lasciarlo da solo in mezzo ai due camionisti centrali dell’Inghilterra. Tocca 3 palloni: con uno ammazza una 56enne inglese in tribuna che sorseggiava un the freddo, un altro glielo toglie Jagielka dalla porta quando già era partito il tweet di esultanza, l’ultimo lo scaraventa in rete assieme ad Hart. A fine partita uozzappa con il portiere, ex compagno di squadra al Manchester City: “Mi sono dimenticato come si dice ‘suca’ in inglese“. SINTETICO. (dal 73′ IMMOBILE s.v. Se Balotelli era da solo in avanti, quando entra Immobile l’Italia è tutta ripiegata su se stessa, e Ciruzzo sembra il Tank Man a piazza Tienanmen. LONELY DAY).

PRANDELLI, voto 6,5 – Diamo a Cesare quel che è di Cesare: a Prandè, stavolta t’ha detto culo. Squadra messa bene in campo, ma su un tavolo da Subbuteo corrono almeno il doppio. Se Paletta le svirgolate le avesse fatte davanti a van Persie o Neymar, avremmo beccato un passivo che al confronto le immersioni di Maiorca sarebbero state roba da vasca da bagno. Finché vince ha ragione lui. Purtroppo. ESCULAPIO.

INGHILTERRA, PAGELLE BASTARDE

HART, voto 5 – Para di pancia una legnata di Candreva da 30 metri, e gli va bene che Balotelli stia messaggiando con Fanny in tribuna in quel momento. L’uscita in scampagnata a fine primo tempo rischia di costargli carissima. Se la punizione di Pirlo finisse dentro, la mancherebbe giusto di quei 5 metri. Becca due pappine, una da lontano e una da vicino, sul suo palo. Famo che non è giornata, ok Joe? NASO DI LEGNO, CUORE DI STAGNO, BURATTINO.

JOHNSON, voto 6,5 – Con le braccia che si ritrova, quando batte una rimessa laterale fa un’apertura in diagonale di 50 metri. Brucia l’erba sulla fascia e trova spesso la linea di fondo campo. Cercandola attentamente. Un paio di faccia a faccia con Chiellini nell’intervallo lo convincono a tenersi alla larga dalla metà campo azzurra. BRACCIO DI FERRO.

CAHILL, voto 5,5 – Tra minacce a Balotelli e insulti a Candreva, il suo dovere lo fa per un tempo. Qualche maglietta tirata, un paio di sputacchi tra i capelli sui corner, lettere minatorie alle famiglie tanto per gradire. Difensore vecchia maniera, di quelli che ci mancano. Poi Balotelli gli salta in testa per il 2-1 e si incupisce. Picchia Wilshere negli spogliatoi per sfogarsi. OLD STYLE.

JAGIELKA, voto 6,5 - Strozza l’urlo in gola a Balotelli a fine primo tempo. Nella ripresa strozza un raccattapalle che tarda due decimi di secondo a restituirgli il pallone. Tiene fede al cognome da badante ucraina e pulisce l’area di rigore da pericoli assortiti, palloni vaganti, Marchisii capitati lì per sbaglio. GIVIDÌ SIGNÒ.

itali-a-inghilterra-pagelle-bastarde-baines-candreva

Baines e Candreva si scambiano cortesie e anche gli scarpini (Facebook Fifa World Cup)

BAINES, voto 5,5 – Sulla sua fascia ci sono Darmian, che ha picchettato la metà campo azzurra con le mine anticarro, e Candreva, che corre in preda ad un mix di acidi e caipirinha: non è la serata adatta per provare incursioni offensive. Apprezzabilissimo e molto signorile il fuck off a Sirigu per avergli tolto dalla porta la punizione del 2-2. LORD BAINES.

STERLING, voto 7 (il migliore) – O ha un motorino nei calzettoni oppure ha allungato il the delle 5 con una pastiglietta magica. L’esterno del Liverpool sulla destra fa venire i capelli bianchi a Palet… cioè, salta sempre il difensore del Parma. Chiellini prova a sferrargli un paio di gomitate intimidatorie, ma è alto un metro e 25 e si mimetizza con la bandierina del corner. NEED FOR SPEED.

HENDERSON, voto 5,5 - Soffre della stessa nostalgia da tibie di De Rossi, con la differenza che il numero 16 azzurro un pallone lo becca ogni tanto. Henderson si ritrova in mezzo a Pirlo e Verratti e, quando un pallone gli rotola addosso per sbaglio, esulta alla Tardelli. Spaesato. ENGLISHMAN IN MANAUS. (Dal 73′ WILSHERE s.v. Il trottolino dell’Arsenal crede di essere all’Emirates Stadium e aspetta che gli arrivino palloni rapidi, puliti e giocabili. Poi si guarda attorno e vede solo camere iperbariche con i tacchetti. L’UOMO GIUSTO AL MOMENTO SBAGLIATO).

GERRARD, voto 6,5 – Almeno la sufficienza al capitano la si dà sempre e comunque per stima. Un po’ come facevano le tifose prima che si sposasse. I suoi sanno che a fine stagione ha la capacità polmonare di un criceto e il passo di un focomelico, e gli si incollano a mezzo metro di distanza per agevolarne la regia. Zoppica vistosamente negli ultimi 20 minuti, Hodgson se ne strafrega e lo lascia in campo fino alla fine perché è un sadico bastardo. C’È SOLO UN CAPITANO.

WELBECK, voto 6 – Stesso problema di Baines: sulla sua fascia ci sono quei due dopati di Darmian e Candreva e se la vede nera come Salvini all’aeroporto di Lagos. Prova a fare qualcosa in più, ma gode delle attenuanti generiche: ha recuperato da poco da un infortunio dovuto ad un sandwich in discoteca con due ballerine di samba con la sorpresina. FORTE IN PRENETRAZIONE. (Dal 61′ BARKLEY s.v. Ci vuole impegno a passare mezz’ora in campo e non fare un cazzo. Lui ci riesce. L’UOMO INVISIBILE).

italia-inghilterra-pagelle-bastarde-rooney-de-rossi

Rooney e De Rossi: due discrete fedine penali calcistiche (Facebook Fifa World Cup)

ROONEY, voto 5,5 – Dimostra 47 anni pur avendone 29. Ogni volta che si beve un avversario, compensa scolandosi anche un quarto di whisky per festeggiare. Al 61′ ha sul destro la palla del 2-2 ma al quinto bicchierino la vista gli si è appannata e manca la porta nonostante sia a 3 metri da Sirigu. Indovinate chi aveva sbagliato il fuorigioco su di lui? FISICO DA SOLLEVATORE DI OBIEZIONI.

STURRIDGE, voto 6,5 – Per 45 minuti, ogni volta che tocca palla noi italiani ci tocchiamo le nostre. Pericoloso come un cinghiale in un punto vendita Swarovski, insacca con sagacia il gol del momentaneo pareggio. Ma era (non) marcato da Paletta, quindi mezzo voto in meno. L’avvocato di Crouch gli ha mandato una lettera per i diritti sull’esultanza robotica idiota. È il più pericoloso dei suoi e giustamente Hodgson lo sostituisce. TIÈ ALL’INGLESE. (Dal 79′ LALLANA s.v. Ci serve solo a dire che Hodgson ha cambiato tre uomini decenti con tre che hanno influito come gli 80 euro di Renzi sullo stipendio di un metalmeccanico con 3 figli a carico. LALLARALLALALALLANA).

GARY LEWIN, voto 9 –  Esplosivo. Salta più in alto di tutti e la sfortuna lo assale quando torna con i piedi per terra. Il mondiale 2014 è già finito per lui, ma il calcio in Brasile ha trovato un nuovo idolo. No, scherzo: è un coglione. Ma quel pirla di un fisioterapista che si sfascia la caviglia da solo, saltando di gioia e atterrando su una bottiglietta d’acqua, merita almeno un applauso. In faccia. FISIOTERASVISTA.

HODGSON, voto 5 – Ha detto di averci studiato per due anni: deve averlo fatto sul manuale del calcio di Aldo Agroppi. Non gli scappa un bestemmione neanche quando Rooney divora il 2-2, che avrebbe segnato pure lui in giacca e cravatta, ma si limita ad un “acciderbolina”. Riesce nell’impresa di fare 3 cambi e togliere 2 degli uomini migliori. Ce ne fossero di allenatori così, contro di noi. MISTER BEAN.

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

2 Risponde a Italia – Inghilterra, pagelle bastarde: salvate il soldato Paletta

  1. avatar
    tristramshandy 15/06/2014 a 18:50

    Fanno schifo!

    E non perché non capisco l’ironia (tipo le Pagelle IGNORANTI), ma perché fanno davvero PENA.

    Rispondi
    • avatar
      Francesco Guarino 15/06/2014 a 20:48

      Non si può piacere a tutti.
      Anche tu sei brutto, ma non per questo non ti vogliamo bene.

      FG

      Rispondi

Rispondi a tristramshandy Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews