Isis: bruciati 4 iracheni appesi e legati

isis

Mentre in Occidente si continua a far finta di niente, nel Medio Oriente l’autoproclamato Stato Islamico conosciuto da tutti come Isis e Daesh continua con la sua guerra santa contro tutti coloro che gli si oppone. L’ultimo orrore è un video rilasciato proprio dall’Isis in cui si vedono quattro uomini iracheni incatenati a testa in giù mentre viene dato fuoco a una scia di benzina che li avvolge nelle fiamme, uccidendoli. A riportarlo è il noto tabloid britannico Daily Mail (ecco il link). I quattro uomi, che hanno i polsi incatenati alle famiglie, sono costretti a guardare mentre le fiamme si avvicinano dopo che un miliziano dell’Isis ha utilizzato una fiaccola per appicare il fuoco e dare inizio a questo macabro meccanismo.

Come in altri video dell’Isis, i prigionieri indossano una tuta arancione, come coloro che sono detenuti a Guantanamo. Ognuno dei quattro condannati a morti dice il suo nuove e racconta brevemente il suo ruolo nella lotta all’Isis. Sotto gli uomini, è stata versata una linea di carburante e lievi macchie di paglia sono stati aggiunti per aiutare le fiamme a diffondersi.

Il video mostra al rallentatore le riprese del fuoco che comincia a bruciare la linea del combustibile, dirigendosi rapidamente verso gli uomini. Gli ultimi secondi di filmato, invece, fanno vedere gli uomini agonizzanti bruciati a morte dalle fiamme. Prima della loro morte, i detenuti sono costretti a guardare alcuni video che mostrano la mutilazione dei corpi morti dei combattenti dell’Isis da parte di alcuni membri dell’esercito iracheno e degli alleati alleati delle milizie sciite.

Uno dei video mostra un cadavere senza vita di un jihadista appeso a testa in giù. Ecco spiegato, quindi, perché i combattenti dell’Isis hanno deciso di uccidere queste quattro persone in una maniera tanto orribile: è stata una sorta di vendetta. L’Occidente deciderà di fare qualcosa (ad esempio aiutare chi l’Isis lo combatte sul campo come i curdi e l’esercito di Assad) o aspetterà altri orrori?

Giacomo Cangi

@GiacomoCangi

foto: @KekHamo

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews