Indianapolis mette in scena il Pedrosa-show!

Più in difficoltà le Yamaha ufficiali di Lorenzo e Rossi, terzo e quarto sotto la bandiera a scacchi

di Mara Guarino

E’ raggiante Dani Pedrosa dopo la terza vittoria stagionale

Indianapolis – La matematica non lo tradisce ancora: questa è al momento l’unica certezza del campionato di Daniel Pedrosa, autore di una vittoria magistrale nel secondo GP statunitense della stagione. Dani rosicchia punticini preziosi al rivale Jorge Lorenzo, che è comunque terzo e dunque a podio, malgrado la sua peggior gara dell’annata. Il vantaggio in classifica di Jorge rimane troppo consistente (siamo a più 68) per sperare davvero in un acceso duello per il titolo iridato. Certamente, però, il pilota Honda Repsol non si darà per vinto e farà di tutto per tardare il più possibile i festeggiamenti del 99 maiorchino.

LA GARA –  E’ in tutto e per tutto una gara alla Pedrosa, eccezion fatta per  la partenza. Dani non riesce infatti a scattare davanti a tutti e impiega qualche giro prima di avere pista libera davanti a sé. Da questo momento in poi il suo dominio diventa però imbarazzante: imbarazzante è soprattutto la facilità con cui riesce a stampare tempi sotto il muro dell’1.41. Come se il caldo fosse torrido e la pista scivolosa solo per gli altri, non certo per lui.

Secondo pilota più veloce in pista e seconda posizione al traguardo per Ben Spies. Dall’anno prossimo il texano sarà pilota ufficiale Yamaha e questa sua prestazione dimostra che la casa giapponese ha investito bene la sua fiducia; oltre al podio,  Ben si porta infatti  a casa una pole position a suo modo storica. Era infatti dal 2008 che un pilota di un team satellite non riusciva a realizzare il miglior giro nelle prove cronometrate. Le Yamaha ufficiali hanno invece un po’ sofferto la trasferta americana. Mentre Lorenzo ha patito soprattutto le condizioni di gara, e si è trovato costretto ad accontentarsi del gradino più basso del podio, Rossi ha dovuto lottare tutto il week-end con una messa a punto non ottimale, che lo ha persino portato a qualche scivolata di troppo. La gara del futuro pilota Ducati è quindi da giudicarsi positiva, se non altro per il ritrovato feeling con la moto. Certo, i tifosi più esigenti non avranno condiviso la decisione – razionale e giustificabilissima-  di non forzare nel finale, così da mettere i bastoni tra le ruote a Lorenzo. Ma le gare sono fatte anche di queste scelte e, a volte, è più saggio e lungimirante chi si accontenta.

Piuttosto male gli altri italiani: Melandri scivola poco dopo il pronti via, Simoncelli chiude settimo e Capirossi undicesimo a fronte dei 13 piloti che hanno concluso la gara. Sul fronte Italia, il premio delusione va però a Dovizioso: il forlivese chiuderà nella top five , senza mai essere davvero incisivo durante la corsa. Insomma, il confronto col compagno di squadra è oggi particolarmente impietoso. Da segnalare anche la caduta di Stoner nelle fasi iniziali e la gara difficile di Hayden, che ha dignitosamente chiuso in sesta piazza, pur penalizzato dall’aver perso la saponetta sinistra.

Il texano Ben Spies

MOTO2 e 125 –  Il protagonista indiscusso della gara 125cc, nel bene e nel male, è come sempre Marc Marquez. Lo spagnolo è tradito da un avvallamento nell’asfalto mentre si trova in testa e, scivolato,  si vede costretto alla rimonta. Con tanto di “giallo nel finale”: sul traguardo è infatti quinto, ma nell’aria c’è odor di penalizzazione, a causa di un taglio della pista. La retrocessione all’undicesima piazza è d’obbligo e ad approfittarne è soprattutto il rivale in classifica Terol, che ha oltretutto vinto la gara.

In Moto2 trionfa invece Elias, ma a rubargli la scena sono anche qui gli autori di due spettacolari rimonte: Andrea Iannone e Simone Corsi. Complice anche la bandiera rossa dopo la prima partenza,  la coppia di italiani si è trovata a disputare la nuova gara a partire, rispettivamente, dalla 26esima e dalla 39esima posizione: al traguardo saranno quarto e quinto. Col merito aggiuntivo di aver ravvivato una gara non troppo entusiasmante, eccezion fatta per i soliti capitomboli.

La trasferta di Indianapolis lascia però una profonda tristezza nel cuore di tutto il circus della MotoGp a causa della scomparsa del giovanissimo Peter Lenz. Il tredicenne americano è stato vittima di un grave incidente durante una delle gare di contorno del GP targato USA, poco prima della partenza della 125. Purtroppo, a poco è servito il rapido trasporto in ospedale: troppo importanti le lesioni riportate.

Prossimo appuntamento a Misano Adriatico per il GP di San Marino. Il motomondiale torna il 5 settembre!

FOTO via/ http://resources.motogp.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews